Posted on

Gricignano – Il Tar (Tribunale Amministrativo Regionale) della Campania ha accolto il ricorso presentato dalla Eco Transider Srl contro il Comune di Gricignano di Aversa e le varie realtà territoriale costituitesi contro la questione puzza.

Come si legge dalla sentenza, nonostante lo studio presentato dalla Seconda Università degli Studi di Napoli, commissionato dal comune di Gricignano, attestasse la presenza di molecole maleodoranti nella zona adiacente alla fabbrica in questione, il Tar ha ritenuto fondamentale l’apporto dell’A.R.P.A.C. che, con verbale di sopralluogo . 126/NB/15 del 1.9.2015 ha certificato che “nelle aree esterne all’impianto in questione non si avvertono maleodorante significative”;

“Rilevato, tuttavia, che nel citato verbale l’A.R.P.A.C. ha comunque accertato varie inadempienze – continua il verbale-, tra le quali, con specifico riferimento alla problematica delle immissioni odorigine, l’incompletezza dell’impianto di biofiltrazione, la mancata implementazione del sistema di abbattimento ad umido con il prescritto scrubber a reagente acido e la mancanza di portelloni di chiusura all’area di trattamento di rifiuti umidi urbani; Ritenuto, nell’ottica di un equilibrato contemperamento dei diversi interessi pubblici e privati coinvolti nella presente controversia, di dover sospendere l’impugnata ordinanza inibitoria dell’attività svolta dall’azienda e nel contempo di ordinare alla ricorrente di adeguare l’impianto alle prescrizioni stabilite dall’A.R.P.A.C., nel termine di 30 giorni decorrente dalla comunicazione del presente provvedimento; Ritenuto, inoltre, di dover ordinare all’A.R.P.A.C. e alla Regione Campania – alle quali la parte ricorrente notificherà copia della presente ordinanza entro il termine di 10 giorni dalla comunicazione della stessa – di effettuare nella prima decade del mese di novembre 2015, attraverso proprio personale, un sopralluogo congiunto al fine di verificare l’osservanza di tutte le prescrizioni stabilite nel citato verbale, facendo successivamente pervenire presso la Segreteria di questa Sezione le risultanze del controllo effettuato; Ritenuto di fissare il prosieguo del giudizio cautelare alla camera di consiglio del 3.12.2015; P.Q.M. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quinta) accoglie la domanda cautelare e, per l’effetto, sospende il provvedimento impugnato fino alla camera di consiglio del 3.12.2015 e dispone contestualmente gli incombenti di cui in motivazione a carico della parte ricorrente, dell’A.R.P.A.C. e della Regione Campania; Spese compensate”.

Insomma, ora non resta che ragionare sul da farsi, sia da parte del Comune di Gricignano di Aversa che da parte della società civile, dimostratasi molto sensibile all’argomento.