Posted on

Carinaro – Il circolo e il gruppo consiliare PD in una nota inviata alla nostra redazione dichiarano: “L’amministrazione Comunale, in ordine al premio Comuni Rinnovabili 2020, assegnato da Legambiente alla nostra Carinaro, ha tenuto a precisare che il premio è annuale e non retroattivo.

Atteso che anche Noi siamo felici ed orgogliosi per il riconoscimento assegnato alla nostra Comunità, ci preme evidenziare che il rapporto Legambiente “Comunità Rinnovabili ”, sulla base del quale è stato assegnato il premio, traccia un quadro complessivo sulla diffusione delle fonti pulite nella Penisola e nella nostra Regione fino alla fine del 2019; a riprova di quanto sosteniamo, invitiamo tutti i cittadini a prendere accurata visione dei link sottostanti:

https://legambiente.campania.it/2020/11/11/rapporto-comunita-rinnovabili-campania-2020/

Orbene, sulla base di quanto evidenziato, possiamo affermare che alla fine del 2019, nel nostro Comune, gli impianti da fonti rinnovabili presenti concernevano, esclusivamente, l’installazione di pannelli fotovoltaici sulla Casa Comunale; impianto realizzato dalla passata Amministrazione guidata dal Sindaco Dell’Aprovitola.

Fermo restando, che la nuova gara della pubblica illuminazione è stato, anch’essa, un progetto della  passata Amministrazione Dell’Aprovitola, che prendeva esecuzione durante la gestione commissariale dell’Ente e, soltanto, ultimata nell’attuale mandato consiliare; così come avvenuto per la realizzazione dell’impianto sulla scuola materna; l’Amministrazione in carica – rivendicando presunti meriti, nell’ottenimento del premio – ci fa sapere di aver ottenuto:

  • un finanziamento nazionale per l’installazione di pannelli fotovoltaici per la scuola elementare;

  • un finanziamento per l’installazione di pannelli fotovoltaici per scuola media con sostituzione delle lampade preesistenti con nuove lampade a led; 

  • e che si provvederà, a stretto giro, ad installare le colonnine di ricarica elettrica per auto su tutto il territorio.

Bene, ne prendiamo positivamente atto e ci farà enormemente piacere se, Legambiente, anche per i prossimi anni, assegnerà l’agognato premio al nostro Comune; ma resta il fatto che il premio Comuni rinnovabili 2020 è stato assegnato sulla base degli impianti da fonti rinnovabili già presenti nel nostro Comune a fine 2019 e, dunque, su quanto realizzato nello scorso mandato amministrativo e non per gli impianti finanziati e in attesa i realizzazione!

In conclusione, ci appelliamo ai giovani amministratori attualmente in carica affinché, prima di scrivere leggano accuratamente – e non è la prima volte che rivolgiamo loro un tale suggerimento – in modo che in futuro non possano essere più tacciati di non essere adeguatamente informati.

Non volendo prendere in esame l’ipotesi contraria (perché a differenza loro, noi abbiamo grande rispetto per i nostri interlocutori e non usiamo, a sproposito, degli inglesismi) e cioè, che per essendo sufficientemente informati, mentono, sapendo di mentire!”