Posted on

Casaluce – Pasquale Bruno ex capogruppo di opposizione in un post pubblicato su Facebook dichiara: “Il gruppo di “ IDEE IN COMUNE “, è entrato nel partito di F.D.I. , perché da sempre e’ sostenitore della destra, addirittura della estrema destra, ma mai della sinistra , abbiamo sempre condiviso con passione, ideologie e valori della destra, tanto che ci eravamo convinti , che probabilmente con la nostra unione, poteva essere, di una notevole garanzia e, una riassicurazione per i vertici, e di poter iniziare un percorso di riorganizzare e ricompattare il centro destra a Casaluce, ma così non’ è stato, perché ci è bastata una sola riunione per capire l’orientamento del partito , a chi potesse appoggiare alle prossime Amministrative.

Mentre noi ci impegnavamo, di come convincere e a far rientrare le persone nel partito, in modo tale da far capire, alle altre forze politiche sul territorio, che F.D.I. a Casaluce esiste, e che poteva essere pure abbastanza competitiva, per affrontare una campagna elettorale a proprio nome, altri invece , hanno messo su, solo una sceneggiata Napoletana, mascherandosi dietro alle menzogne , deludendo tante brave persone che credevano nel partito e negli uomini, oggi ci troviamo un partito annullato in tutte le sue forme , solo perché, chi ha raggirato gli ideali , è stato solo per uno scopo ben preciso , quello personale, e questo lo vedremo a breve.

Ebbene , per noi uomini di destra, sposare una causa, tutta rivolta a sinistra significa TRADIRE tanta brava gente , che crede ancora in un colore , in una bandiera.

Il gruppo ” IDEE IN COMUNE ” non sosterrà mai e poi mai un candidato a Sindaco di sinistra , perché ciò significa, TRADIRE , e questo noi, non lo faremo mai.

Con il senno di poi, oggi abbiamo capito bene, il perché il gruppo storico e, sappiamo bene tutti , di chi stiamo parlando, ossia i fondatori veri di FRATELLI D’ITALIA, non erano e, non lo saranno mai , presente in sezione, fin quando i vertici non si renderanno conto di come si stia utilizzando il partito di F.D.I. a Casaluce. Dopo varie riunioni interne, il gruppo di ” IDEE IN COMUNE” non ha mai condiviso l’orientamento del partito di FRATELLI D’ITALIA e di come vorrebbe partecipare alla prossima tornata elettorale, cioè appoggiando un gruppo che fa capo alla sinistra e , non una propria espressione interna del partito.

Anche se, a l ‘onor del vero, la posizione del partito, prima che “IDEE IN COMUNE” aderisse, e dove , abbiamo condiviso in pieno la linea politica, di non voler esprimere un nome per una eventuale candidatura a Sindaco.

Ma nel momento in cui , in una riunione il gruppo AGIRE , afferma di avere un proprio nome candidato a Sindaco, il gruppo di ” IDEE in COMUNE” non poteva farne almeno di esprime il proprio pensiero in merito, e che, a fronte a tale affermazione metteva in discussione anche un proprio nome , dove , a pari dignità e , in modo democratico, veniva deciso un metodo di scelta , in modo tale che si poteva arrivare ad una sintesi condivisa a garanzia di tutti.

Inoltre faceva presente, che se ciò non avvieniva in tempi utili , noi , essendo consapevoli , ma non arroganti, ritenevamo , che la strada maestra era quella del confronto democratico, quindi pronti già da subito, per un confronto con altri gruppi .

Evidentemente siamo stati lenti e poco lesti ,o forse perché altri , in tempi non sospetti avevano già una sorte di compromesso, perché se così non fosse , non capiamo il perché la sezione di F D.I., nel nome del Presidente non abbia sostenuto il pensiero e la volontà del gruppo nell’espressione di un proprio candidato a Sindaco , quantomeno di rispettare la nostra volontà , avendo chiesto in modo palese e inequivocabile il confronto e , dove, a pari dignità il candidato a Sindaco uscisse da un tavolo di discussione e inoltre, fosse stato la sintesi condivisa da tutti i presenti.

Alla luce della posizione presa del partito , di F.D.I, noi che le idee le abbiamo chiare e , sappiamo bene qual’e’ la destra e, qual’ è la sinistra, non possiamo fare altro che trovare l’intesa con gli uomini VERI.”