Posted on

Casaluce – In una nota inviata alla nostra redazione, il gruppo Uniti per Cambiare ha dichiarato: “Il Consiglio Comunale, “espressione massima di dialettica politica”!

Chi vi scrive i post da pubblicare dimostra di conoscere qualcosa di pubblica amministrazione. Tuttavia, la stessa persona dovrebbe avere il buon senso di farvi comprendere il significato di ciò che vi scrive e, in particolare, di questa affermazione SACROSANTA.

 Più volte e a più riprese abbiamo chiesto e chiediamo il RISPETTO delle ISTITUZIONI intese come MAGGIORANZA E OPPOSIZIONE.

 Si rispetta la Maggioranza negli stessi termini in cui si rispetta la Minoranza.

Il voto popolare da parte nostra è stato sempre rispettato, tant’è che continuiamo a chiedervi di realizzare le promesse fatte ai vostri e nostri concittadini da più di 11 anni.

Così come vi chiediamo in continuazione di dare risposta a quanti chiedono invano da mesi una risposta sul FORNO CREMATORIO.

Abbiamo disertato l’aula del Consiglio proprio perché VOI non conoscete, anzi calpestate, la dialettica ISTITUZIONALE  e i luoghi deputati a ciò.

E vorreste anche farci la morale?

 VERGOGNATEVI!!!

La nostra assenza è stata ampiamente annunciata e i motivi esposti ai cittadini e al PREFETTO.

La vostra mancanza di rispetto delle Istituzioni ci  impone l’obbligo di rammentarvelo ogni giorno. Nonostante questo però, voi in spregio non a NOI, sia chiaro, ma ai cittadini continuate ad essere muti e sordi.

PARLATE A NOI DI RISPETTO?

Con il vostro Sindaco che se non riesce proprio a fare a meno di ostentare il puparo in prima linea, senza il quale non riesce a dire e fare nulla???

Ma la volete smettere con questa farsa?

Tatone si DEVE DIMETTERE se non riesce a tenere le redini!

È intollerabile che i Consigli Comunali non siano diretti né dal Sindaco né dal vicesindaco (altra figura simbolica) ma sempre e solo da Nazzaro Pagano!!!

Noi non abbiamo nulla da ascoltare dalla bocca di Nazzaro Pagano!!!

La sua credibilità politica per noi è pari a zero. Per lui parla il disastro amministrativo di 10 anni di incuria e di inutili e vuote promesse.

BASTA!!!

Ci rifiutiamo di prendere parte a questa pagliacciata!!!

Osate pronunciare la parola rispetto quando voi ignorate le firme raccolte contro la costruzione del Forno crematorio?

Abbiamo dovuto rivolgerci alla Presidenza del Consiglio per avere atti e documenti che avreste dovuto portare alla nostra conoscenza per VOSTRO dovere Istituzionale.

Questa “armata Brancaleone” offende e continua a offendere la dignità di una comunità cittadina!

 DIMETTETEVI e lasciate che anche CASALUCE POSSA CONOSCERE LO SVILUPPO DI TUTTI GLI ALTRI PAESI CHE LA CIRCONDANO!!!”