Posted on

Casaluce – In una nota inviata alla nostra redazione, il gruppo Uniti per Cambiare ha dichiarato: “Mi corre l’obbligo, costantemente, di ricordare ai concittadini casalucesi l’importanza del voto che esprimeranno per le imminenti elezioni regionali.

Ogni campagna elettorale che si rispetti viene incentrata sui traguardi conseguiti ed i programmi realizzati, soprattutto quando il candidato in questione è un “politico di lungo corso” come Nazzaro Pagano.

Invece, nulla di tutto ciò: le motivazioni che lo spingono verso la nuova e più ambita poltrona sarebbero, a suo dire, l’amore per il nostro territorio e l’impegno di un miglioramento basato sulla debole e ridicola garanzia di essere stato sindaco, consigliere provinciale ed oggi assessore comunale.

Niente di più offensivo per l’intelligenza di quelle stesse persone che dovrebbero sceglierlo quale loro rappresentante!

Da giorni mi chiedo come mai un così rodato uomo politico non elenchi le numerose opere realizzate facendone il proprio CAVALLO DI BATTAGLIA durante questa ardua campagna elettorale.

Ma -ahimé- è difficile pescare nel mare magnum della totale inerzia politica!

I suoi nutriti e allettanti programmi elettorali giacciono inerti in qualche cassetto, i suoi proclami sono solo aria per gonfiare i polmoni.

 Caro Nazzaro Pagano, ti invito ad elencare gli obiettivi conseguiti che non siano tuoi personali o della tua famiglia!!!

Quanto a questi ultimi, hai avuto particolare dovizia nel costruire, come una instancabile formichina, un futuro basato sulla politica e non sulle tue (eventuali) capacità professionali.

 Dei tuoi interessi non hai tralasciato nulla e se solo il cittadino attento volesse andare a ritroso per delineare un tuo profilo, ante e post 2009, si accorgerebbe di quanto tu sia stato capace di accumulare solo per te stesso, tanto da far impallidire anche le più pagate carriere politiche di altisononanti senatori della Repubblica.

Non occorre molto: quattro conti, calcolatrice alla mano, e il dado è tratto!!!

 Ma veniamo ora alle dolenti note: oltre alle “pacche sulle spalle” di cui potresti essere antesignano di una nuova disciplina sportiva da inserire alle prossime olimpiadi, ti chiedo di elencarmi le opere da te realizzate o messe in cantiere.

I tuoi riflettori e quelli dei “servi sciocchi” che ancora ti seguono sono stati puntati esclusivamente sui settori remunerativi.

Come il rabdomante ricerca con il suo strumento la presenza di acqua sotterranea, tu hai ricercato nel “sottosuolo” di Casaluce solo moneta sonante.

 NULLA di tutto ciò che potesse far crescere la nostra comunità è rientrato nella tua PIANIFICAZIONE POLITICA: sei refrattario alla cultura e a tutte le iniziative ad essa inerente, non conosci il valore educativo ed aggregativo dello sport per i nostri giovani, ignori il concetto di decoro urbano, di sicurezza, di controllo del territorio… ah dimenticavo, in cambio ti sei particolarmente adoperato ad ideare un FANTA-PUC con il quale, con i tuoi ” mo’ vec’ io “, avresti dovuto accontentare una lista interminabile di imprenditori, ora in attesa di risposte che non potranno mai arrivare!!!

 E allora, cari concittadini, giratevi intorno ed avrete l’imbarazzo della scelta: potrete tuffarvi nelle fresche acque della piscina comunale, o praticare uno dei tanti sport presso il nostro rinomato centro sportivo, sedervi all’ombra di qualche albero nelle nostre curatissime piazze in compagnia di un buon libro, fare qualche pedalata sulla nostra pista ciclabile, passeggiare di sera con serenità in ogni angolo videosorvegliato del nostro paese illuminato dai led a basso consumo, accompagnare in tutta sicurezza i vostri figli nelle nostre nuove scuole realizzate, partecipare ad eventi culturali e l’elenco potrebbe continuare ancora per molto!!!

 Allora, caro Nazzaro Pagano, ti invito, ancora una volta, ad elencarmi le opere realizzate, ti offro l’occasione di smentirmi e di portare dalla tua parte anche la fetta di elettorato di upc.

Metti da parte l’amore per la nostra terra che tutti nutriamo e, documenti alla mano, dimostrami ciò che (non) hai realizzato per il nostro paese e illustrami quali ulteriori progetti fallimentari, oltre a quello della tua pensione, serbi per l’eventuale carica alla Regione.

 Ti invito ad essere puntuale in questa disamina, ricordandoti che non hai di fronte i tuoi stolti soldatini da prevaricare e con i quali puoi, tronfiamente gonfiarti delle tue inesistenti imprese come la rana di Fedro: ma attenzione perché confrontandoti con il bue rischi di scoppiare!”