Posted on

Caserta – In una nota inviata alla nostra redazione, l’AISLO ha dichiarato: “In una escalation di violenza che fa paura, l’altra sera  è stato assalito con un AGGUATO A COLPI DI PISTOLA il giornalista MARIO DE MICHELE , che per fortuna è rimasto illeso. Stavolta gli attentatori VOLEVANO UCCIDERE (come è stato scritto nel comunicato dell’Ordine).

 

Siamo di fronte ad un ennesimo PERICOLOSO SALTO NELLE AGGRESSIONI ALLA stampa, in questo caso nei confronti di un giornalista sempre in prima linea nella lotta per affermare la legalità democratica in una terra che rimane difficile.

Nei giorni scorsi (ma anche in altre occasioni nel passato) egli aveva denunciato aggressioni ed intimidazioni. Ci troviamo di fronte all’ennesimo episodio di un pericoloso salto di qualità nelle aggressioni violente contro i giornalisti. De Michele da tempo si occupa delle infiltrazioni camorristiche nell’area del casertano e del napoletano. Per questo chiediamo alle autorità competenti l’immediata protezione per il collega, per garantire la sua incolumità e per fare in modo che possa continuare a svolgere una funzione fondamentale per la democrazia, per la libertà di stampa e di opinione in una società civile.

Nello stesso tempo chiamiamo alla mobilitazione tutto il mondo della cultura e del terzo settore per organizzare una manifestazione a sostegno di Mario e di tutti i giornalisti che si battono quotidianamente per garantire e tutelare i diritti fondamentali a base della nostra costituzione. Come abbiamo fatto in altre occasioni saremo vicini a chi lotta in prima fila. Come Piazze del Sapere proponiamo alle altre  associazioni della rete di dedicare una prossima sessione straordinaria degli Stati Generali della Cultura al tema della legalità democratica e libertà di informazione”.