Contrasto TV

                       
   

Caserta, progetto Pics: partita al Belvedere di San Leucio

Caserta – E’ partita stamani al Belvedere di San Leucio la campagna d’ascolto nell’ambito dei PICS (Programmi Integrati Città Sostenibili), misura facente parte dell’Asse X “Sviluppo Urbano Sostenibile” del POR Campania – Fesr 2014/2020. Per attuare tutto ciò, il Comune di Caserta ha già ottenuto un finanziamento di 19 milioni di euro, che sarà impiegato per intervenire in maniera decisa in una molteplicità di campi. In primo luogo, infatti, saranno compiute azioni di carattere sociale di contrasto alla povertà e a sostegno della fasce più deboli, oltre ad iniziative volte a valorizzare l’attività turistica, a riqualificare il sistema di pubblica illuminazione, ad ottimizzare e ad innovare i servizi pubblici (smart city) e a sostenere le start up o a crearne di nuove sempre nel settore dell’incoming turistico e della recettività.

L’appuntamento di oggi, moderato dal coordinatore di Europe Direct Caserta, Vincenzo Girfatti, si è aperto con gli interventi del sindaco di Caserta, Carlo Marino, del segretario generale dell’Associazione “Mecenate 90”, Ledo Prato, del direttore del Dipartimento di Economia dell’Università degli Studi della Campania, Francesco Izzo, dell’ingegner Mauro Cappello, esperto di fondi europei, e di Felice Fasolino della Fondazione Ifel Campania. A seguire ci sono stati numerosi contributi da parte di rappresentanti degli ordini professionali, dell’Università e delle realtà associazionistiche della città di Caserta, che hanno partecipato attivamente, avanzando proposte e suggerimenti in vista del documento di programmazione che il Comune di Caserta dovrà redigere per l’attuazione concreta dei PICS. Tutti i cittadini e le sigle presenti in città potranno fornire il proprio contributo inviando un’e-mail all’indirizzo: picseuropacaserta@comune.caserta.it.

“Oggi – ha spiegato il sindaco di Caserta, Carlo Marino – ha preso il via un meccanismo virtuoso sotto il profilo del metodo e dei contenuti. Assieme a tutti i principali attori della città abbiamo iniziato a ragionare del futuro di Caserta, su come intervenire su settori chiave quali il sociale, la tutela dei più deboli, il turismo, la sostenibilità ambientale e l’imprenditoria giovanile. Intendiamo confrontarci con tutti, concertare insieme alle realtà più significative della città lo sviluppo della comunità. La sfida vera – ha proseguito il sindaco – è costruire opere concrete che possano consentire una crescita reale del territorio. Siamo convinti che la cultura possa essere un motore fondamentale del pil casertano e che i giovani gli artefici di questo rilancio. Le città medie come Caserta, anche grazie a progetti come i PICS, possono ricoprire un ruolo fondamentale anche nel rapportarsi con maggiore forza ed autorevolezza alle città metropolitane”.

Articoli correlati