Posted on

EditorialeGianni Truosolo ha scritto un editoriale post elettorale, lo proponiamo di seguito: ” Il caso di Pamela Prati e Marco Caltagirone piomba  a Carinaro nel periodo post elettorale.

Da quanto ci riferisce “Tonino a presenza” ,personaggio noto in città,costui con la moglie sarà testimone di nozze della tanto discussa coppia “Prati- Caltagirone”; sembra però che i novelli sposi arrivino a Carinaro a fine a giugno per un sopralluogo nella nostra “Piccola Svizzera.”

Nozze aperte anche a tutti i curiosi, anche se all’interno della chiesa non saranno ammessi tutti i votanti della lista numero 1 e numero 2 ,per evitare discussioni  e polemiche durante le nozze, possono partecipare solo gli elettori della lista numero 3 con candidato sindaco “Tonino a presenza”.

Il rito religioso sarà celebrato da Paolo Brosio con Barbara D’Urso, ma c’è l’obbligo per gli invitati di indossare capi firmati con borse di brand internazionali;si informa inoltre che sarà presente una parrucchiera ed estetista per ogni ritocco in qualsiasi momento;infine gli invitati in chiesa possono sedersi a partire dalla ” quinta linea” e sono ammessi solo i residenti o i nati in Carinaro: i primi posti riservati ai familiari e all’amministrazione naturalmente in ordine di preferenza mentre saranno esclusi dalle nozze tutti gli over 50. (Attenzione non solo anagraficamente!). La chiesa ha comunicato che  per gli auguri agli sposi è necessario uscire all’esterno della casa di Cristo e soprattutto al termine della celebrazione, per evitare confusione.

La selezione degli invitati sarà fatta all’esterno della location religiosa con delle persone scelte accuratamente dagli sposi, i cosiddetti “Saggi” che sceglieranno  e divideranno tutti gli invitati,  tra destra, sinistra e centro, “Misteri della Fede” ingrato compito, i saggi avranno da lavorare.

Tra i “saggi” trapela il nome del testimone “Tonino a presenza”  che sta studiando la storia politica di Carinaro e non nasconde le difficoltà nell’identificare le varie appartenenze politiche.  Parenti ed amici infine saluteranno gli sposi al grand hotel ” Mo ven u bel…”

Scherzi a parte, spero di avervi fatto sorridere un po’,ho cercato di non essere troppo di parte e se lo sono stato vi chiedo scusa,sono sicuro che  mi perdonerete ;per qualche errore cercate di essere comprensivi, non ho mica tre lauree! Auguro a tutti buon lavoro ,vincitori e vinti e nonostante i toni siano stati un po’ accesi in questa campagna elettorale ci siamo appassionati.Ora mi raccomando :non  stressatevi troppo, ricordate  che la politica passa, le amicizie , se vere, RESTANO. Buona Vita a tutti!”