Posted on

San Marcellino – Non si arriva al capo del problema. La condizione delle strade di San Marcellino resta alquanto critica e per rendersene conto basta farsi un giro in macchina per mettere a rischio l’integrità di tutto il veicolo.
I corsi principali, in particolare, abbondano di buche anomale, tra cui restano indimenticate quelle di via ex Alifana (1 metro e 20 per 80 centimetri), via Cupa, i cui residenti si sono lamentati più volte per il disagio che stanno vivendo, e le tutte le restanti presenti sul territorio.

“Siamo arrivati al punto che i cittadini – dice la candidata Giuseppina Perillo, componente della lista “Futuro per San Marcellino” – non possono far altro che palesare uno stato di indignazione.

Da tempo invochiamo interventi degli organi competenti, ma di risposte concrete non ne abbiamo ottenute. C’è una crisi sia sotto quest’aspetto, sia dal punto di vista ambientale che, soprattutto, per quanto concerne l’organizzazione generale e, nello specifico, della raccolta differenziata.

Il comune, con il commissario prefettizio, si è rinchiuso nelle sue mura, senza intervenire sui reali problemi che attanagliano il territorio e continuando a sprecare risorse. Nonostante questo, il commissario e l’ufficio ragioneria hanno provveduto a richiedere ai cittadini il pagamento anticipato della “Tari”, ovvero entro dicembre, per far fronte ai debiti da pagare per la raccolta rifiuti.

Alcuni sanmarcellinesi, dopo numerose segnalazioni presentate all’ufficio di competenza senza aver interventi che succedessero alle carte protocollate, hanno deciso di spendere i loro soldi per un servizio che dovrebbe essere garantito a prescindere.

Speriamo si decidano presto – conclude – perchè, di questo passo, incidenti gravi o gravissimi potrebbero diventare all’ordine del giorno, danneggiando ulteriormente il comune”.