Contrasto TV

                       
   

Il campionato della Lp Pharm Napoli parte in salita: la Pvg Bari tra le mura amiche si impone 3-1

Napoli – Parte con l’handicap il campionato della LpPharm: le partenopee del presidente Gianvalerio Bindi, guidate da coach Nello Caliendo, non riescono a conquistare punti contro la Pvg Bari, una delle formazioni più forti del girone H di Serie B2 femminile.

Napoli paga a caro prezzo l’assenza (per influenza) della schiacciatrice Maria Boccia e torna in Campania con qualche certezza in meno. Servirà giocare nettamente in modo diverso per raggiungere gli obiettivi per i quali questa squadra è stata costruita o forse cambiare qualcosa. A partire da sabato prossimo quando al PalaTrincone arriverà Oria, formazione di Brindisi. E non si potrà sbagliare di nuovo.

PRIMO SET.La prima formazione titolare della LpPharm Napoli è quella formata dalla diagonale formata da Angone e Armonia; le sorelle Russo al centro mentre in banda Cammisa e Muzio (Boccia costretta a dare forfait per influenza); libero Cosetti. Il primo punto della nuova stagione delle partenopee arriva da un errore al servizio dell’atleta pugliese. Quello ‘ufficiale’, che vale il 2-2, è invece siglato da Valentina Russo. Due errori in attacco per le ospiti e la Pvg Bari prova l’allungo (7-4). Quando Angone trova il muro riporta sotto la sua squadra (9-7). Poi si va avanti a suon di cambi palla. Fino a quando la squadra di Sarcinella non trova un break positivo fino al 17-12: coach Caliendo richiama in panchina le sue ragazze per un ‘discrezionale’. La prima squadra ad arrivare a 20 è quella di casa: mani e fuori dell’attaccante pugliese e quattro 4 punti di vantaggio da amministrare per Bari (20-16). Sul 22-18 il tecnico napoletano si gioca anche il secondo ‘tempo’. Attacco a rete della LpPharm e 4 set point per Bari (24-20). Ne basta uno: 25-20 e si cambia campo.

SECONDO SET.Primo doppio vantaggio barese: pallonetto da ‘2’ e difesa napoletana che non arriva sul pallone (4-2). La Pvg trova anche l’ace che aumenta subito la distanza tra le due squadre (6-2). Un fallo di doppio (7-2) costringe coach Caliendo a fermare tutto: time-out. Armonia, al rientro in campo, rompe l’incantesimo: passa nel muro e sigla il 7-3. Sul 10-5 cambio di palleggio per la LpPharm: fuori Angone, dentro Sannino. C’è una timida reazione: break di capitan Russo e compagne e 10-7. Ma è un fuoco di paglia: ace di Bari e nuovo +6 (13-7). Coach Caliendo si gioca anche la carta Rapillo: fuori Cosetti. Ma le ragazze pugliesi, spinte dal pubblico presente al palazzetto di Carbonara di Bari, prima doppiano le avversarie e poi a muro stampano il 15-7. Al rientro in campo due aces di fila e +10 (17-7). I muri di Valentina Russo e Muzio tengono in vita la squadra del presidente Bindi (19-12). Con Cammisa al servizio break terrificante di 4 punti (due aces) per Napoli: coach Sarcinella si gioca i due time-out. Il -2 (21-19) arriva quando la palleggiatrice barese, attaccata a rete, commette fallo di ‘doppia’. Il pareggio però non arriva: è 2-0 quando la centrale pugliese trova il 25-23.

TERZO SET.L’attacco in diagonale di Armonia vale il primo doppio vantaggio per le ospiti (1-3). Ma la Pvg pareggia subito: pallonetto e 3-3. Contro break delle padrone di casa e 5-3. Muzio, in parallela, riporta sotto le sue (7-6). Cammisa stampa il pareggio a 7. Ma il nuovo sorpasso non c’è, anzi è proprio la formazione guidata da Sarcinella a provare un allungo decisivo: 14-11. Punto a punto in un palazzetto incandescente ma nessuna delle due squadre riesce a prendere il pallino del gioco. Il pareggio? Questione di minuti. Marica Armonia non ne vuole sapere di tornare già a casa: muro da urlo e 20-20. Un attacco nettamente toccato non visto dall’arbitro e Bari torna ancora avanti di 2 (22-20). Muro di Cammisa e la contesa torna nuovamente in parità: 23-23. Ace di Muzio e attacco a rete di Bari: la LpPharm Napoli torna in partita (23-25). E ora proverà a ribaltarla.

QUARTO SET.Il parziale si apre praticamente sulla stessa falsariga dei precedenti: Bari difende l’impossibile e Napoli commette anche parecchi errori. Il risultato parla da solo: 9-4. La Pvg prova ad amministrare il vantaggio ma quando Muzio riesce a fare male in attacco le partenopee hanno solo 3 punti da recuperare (14-11). Ma anche questa volta quando bisogna accelerare le padrone di casa riescono a fermare l’avanzata ospite: muro su Cammisa e 17-11. Coach Caliendo vuole vederci chiaro e richiama le sue atlete in panchina per cercare di fermare il momento positivo barese. Ma il leitmotiv del set non cambia: Valentina Russo spara fuori in diagonale una fast ed è 19-12. Ormai il parziale, e quindi il match, sembra andato: sul 21-13 secondo time-out di Caliendo per scuotere un po’ le partenopee. Il muro su Armonia regala ben 10 set point alla Pvg (24-14). Ne basta uno: una difesa pugliese ritorna nel campo della LpPharm ma non c’è nessuna napoletana ad alzare il pallone. Finisce 25-14.

PVG BARI – LP PHARM NAPOLI 3-1 (25-20; 25-23; 23-25; 25-14)

PVG BARI:Binetti, Romanazzi, Cariello 11, Peretto 15, Piemontese 9, Panza 18, Labianca 9, Lattanzio, Alfieri 2, Nuovo ne, Cillo ne, Minervini (L), Marasco. All. Sarcinella. Secondo all. Ironico

LP PHARM NAPOLI: Russo V 13, Cosetti (L), Morra, Sannino. Russo M 9, Cammisa 14, Astarita ne, Muzio 6, Rapillo (L), Angone, Armonia 21. All. Caliendo. Secondo all. Marino

ARBITRI:Gianluca Delvecchio e Andrea Tavano di Foggia

Articoli correlati