Posted on

Campania – “I temi del sostegno all’occupazione femminile e della parità retributiva sono da tempo all’attenzione del Movimento 5 Stelle sia a livello nazionale che a livello regionale. Per questo oggi in aula abbiamo voluto dare sostegno a una legge che in buona parte è in linea con i principi e il contenuto di molte proposte e provvedimenti a nostra firma. Un testo a cui abbiamo voluto dare il nostro contributo, perfezionandolo e arricchendolo con emendamenti costruttivi, e che richiederà un finanziamento molto più cospicuo di quello attualmente previsto perché possa essere realmente efficace”. Così la vicepresidente del Consiglio regionale della Campania e capogruppo regionale M5S Valeria Ciarambino e il presidente della Commissione speciale Semplificazione e Digitalizzazione e consigliere regionale M5S Gennaro Saiello, intervenendo in aula nell’ambito della discussione sul testo di legge “Disposizioni per la promozione della parità retributiva tra i sessi, il sostegno dell’occupazione e dell’imprenditoria femminile di qualità”.

“Al fine di ampliare maggiormente il raggio di interventi a favore dell’occupazione femminile – ha sottolineato Ciarambino – auspico che sia approvata al più presto la legge a mia prima firma, che prevede misure di contrasto alla denatalità e interventi che agevolino l’ingresso delle donne nel mercato del lavoro, anche grazie alla creazione di strumenti di conciliazione famiglia-lavoro. Un testo grazie al quale garantiremo interventi strutturali ed efficaci a favore della famiglia e della natalità, in una regione che ha un tasso di disoccupazione femminile tra i più alti in Europa e dove nel solo 2020 ha fatto registrare un calo dell’occupazione femminile del 15%, con ben 42mila donne che hanno perso il proprio posto di lavoro”. 

“Sono innumerevoli – ha ricordato Saiello – le iniziative che come Movimento 5 Stelle abbiamo portato avanti in questi ultimi anni per la promozione dell’imprenditoria femminile e per sostenere l’accesso delle donne al mercato del lavoro. Con l’ultima legge di Bilancio del Governo Conte II è stato istituito un fondo di 20 milioni per sostenere e promuovere l’avvio di imprese femminili, incrementate con il Pnrr con ulteriori 400 milioni di euro. Ed è di qualche giorno fa l’approvazione alla Camera del Testo Unificato, a prima firma della deputata M5S Tiziana Ciprini, che prevede misure tese a favorire la partecipazione delle donne al mercato del lavoro e la parità retributiva tra i sessi”.