Posted on

Mondragone – “Una costante accompagna da sempre l’attività politica dell’AMBC ed è quella di cercare di far veicolare opportunità, idee, bandi, occasioni e buone pratiche, ha dichiarato Gianni Pagliaro.

Una buona abitudine che non vogliamo perdere neppure di questi tempi. Partiamo con alcuni consigli utili per la ripartenza di GIOVANNI ROMANO di EUROPA VERDE CAMPANIA.” “Voglio innanzittutto richiamare l’attenzione sul bonus una tantum per il turismo a fondo perduto messo in piedi dalla regione Campania. Un’opportunità anche per tante nostre imprese del settore: http://www.regione.campania.it/regione/it/news/regione-informa/la-regione-campania-con-il-turismo?page=1. Ci sono interventi che vanno fatti con urgenza, ha continuato ROMANO, e rispetto ai quali mi permetto di sollecitare l’Amministrazione Pacifico (ma anche tutti i comuni della provincia di Caserta) ad agire.

Sta passando in sordina la possibilità di far emergere e regolarizzare i rapporti di lavoro dei migranti (art.103 del decreto legge n. 34/2020). L’Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione- Asgi https://www.asgi.it/ -ha realizzato una guida pratica alla lettura dell’applicazione delle norme alla base della procedura di emersione per i lavoratori stranieri, prevista dal DL 34/2020 e avviata il 1° giugno 2020. La procedura di emersione prevista dal Decreto Rilancio presenta forti criticità, impedendo una completa regolarizzazione dei cittadini stranieri. L’obiettivo del lavoro di analisi di Asgi è quello di favorire una maggiore conoscenza delle norme e dei diritti dei lavoratori stranieri in un momento storico di emergenza sanitaria ed economica, che vede la crescita di tensioni sociali soprattutto tra le fasce di popolazione con meno diritti. Cari Sindaci, stampate questa guida e cercate di far conoscere la procedura di emersione. Durante questa dura emergenza la Scuola non è stata proprio in cima ai pensieri dei nostri amministratori locali.

Evitiamo, ha continuato GIOVANNI ROMANO di EUROPA VERDE CAMPANIA, di lasciare da soli gli operatori scolastici e le famiglie a sbrogliare l’intricata matassa della ripartenza a settembre e lavoriamo, come Comunità, affinché  le scuole possano riaprire senza difficoltà. Agli assessori delegati, a partire dall’assessore Lavino Concetta, proponiamo di lavorare ai Patti territoriali di comunità, che tengano insieme Comuni, scuole, enti pubblici e privati, associazioni e civismo attivo per favorire nel nuovo anno l’integrazione e l’arricchimento dell’attività educativa. Abbiamo notizia di molti problemi per molti istituti scolastici.

Ho celermente comunicato nei giorni scorsi che il Comune di Mondragone riceverà 130mila € per la sistemazione delle nostre scuole http://www.ancicampania.it/wp-content/uploads/2020/07/Campania.pdf. Mi permetto ora di segnalare cosa chiedono i genitori in vista del ritorno a Scuola in sicurezza a Settembre e, nello specifico, le richieste dell’Associazione genitori A.Ge. Toscana. Considerazioni e proposte che sono state raccolte in una missiva e che possono essere anche d’esempio per il resto delle scuole d’Italia, Mondragone compresa, e rappresentare le istanze di tutti i genitori: http://www.agetoscana.it/CS/2020/LogisticaRientroASettembre.pdf.” “Passiamo- ha continuato il portavoce dell’AMBC- a due segnalazioni che ci vengono fatte dall’amico Antonio Taglialatela.”

“La 1^ segnalazione, ha specificato Antonio Taglialatela, è quella della Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento per le pari opportunità che ha pubblicato l’Avviso per il finanziamento di interventi urgenti per il sostegno alle misure adottate dalle Case rifugio e dai Centri Antiviolenza in relazione all’emergenza sanitaria da COVID 19. L’Avviso è rivolto esclusivamente alle strutture riconosciute dalle Regioni, in possesso dei requisiti minimi previsti dall’Intesa del 27 novembre 2014. Si può accedere ad un contributo per gli interventi realizzati dal 1 febbraio 2020 al 31 luglio 2020, necessari ad agevolare l’operatività nell’attuale fase emergenziale. L’importo massimo erogabile è fissato in € 15.000 per ciascuna Casa Rifugio e in € 2.500 per ciascun Centro Antiviolenza.

Le domande vanno presentate fino al 31 luglio 2020 via PEC. Per tutte le informazioni e per fare istanza: http://www.pariopportunita.gov.it/news/avviso-per-il-finanziamento-di-interventi-urgenti-per-il-sostegno-alle-misure-adottate-dalle-case-rifugio-e-dai-centri-antiviolenza-in-relazione-allemergenza-sanitaria-da-covid-19/. La 2^ segnalazione, ha continuato l’ex presidente dell’Associazione Quartiere di Sant’Angelo, Antonio Taglialatela, è quella relativa allo Sportello della solidarietà della Fondazione Terzo Pilastro che opera tramite un bando, senza scadenza, a cui possono partecipare tutti gli Enti pubblici o privati che operano nell’area di intervento riconducibile esclusivamente al territorio nazionale e ai paesi del mediterraneo e che non hanno fini di lucro. I soggetti interessati potranno presentare una sola domanda di contributo l’anno e la richiesta potrà avere un importo massimo di Euro 50.000. Per tutte le informazioni relative al bando e per presentare istanza: https://www.fondazioneterzopilastrointernazionale.it/comunicati/fondazione-terzo-pilastro-dallo-sportello-della-solidarieta-contributi-50mila-euro/”.