Posted on

Mondragone – Così AMBC: “L’Associazione Mondragone Bene Comune sta cercando di seguire fin dall’inizio tutto ciò che accade in ordine al PNRR: https://www.81034.it/il-recovery-plan-secondo-mondragone-bene-comune/. E in più di una circostanza ha stigmatizzato la grave inerzia dell’Amministrazione Pacifico (come di tanti altri Sindaci), ma anche quella delle altre forze politiche locali e provinciali.

L’AMBC ha anche aderito ed è parte attiva dell’Osservatorio Civico PNRR,  https://www.osservatoriocivicopnrr.it/, che è stato convocato per la prima riunione del Tavolo permanente per il partenariato economico, sociale e territoriale – istituto con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 14 ottobre 2021 – che si terrà il prossimo 25 novembre alle ore 10.30. La riunione di insediamento avrà come obiettivo il confronto sulle questioni relativamente all’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza e sul ruolo che il Tavolo potrà svolgere nel prossimo futuro, al fine di cogliere appieno le potenzialità del Piano stesso in termini di progresso economico e sociale del Paese. Seppur restiamo ancora in attesa di conoscere l’ordine del giorno (che verrà comunicato nel corso dei prossimi giorni), siamo consapevoli dell’importanza che tale sede potrà avere nel perseguire le nostre istanze legate alla trasparenza, alla partecipazione e al monitoraggio civico del PNRR.

E, per questo, l’Osservatorio sta approntando un documento al quale l’AMBC non farà mancare il proprio contributo. Come è già successo in occasione della Conversione in legge del decreto-legge 6 novembre 2021, n. 152, recante disposizioni urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose” (3354) – quando il nostro Osservatorio è riuscito a chiudere un contributo per la Commissione Bilancio della Camera che in queste ore sta analizzando il decreto, sperando che i deputati e le deputate della commissione facciano tesoro dei nostri suggerimenti. Il contributo lo trovate QUI. Tutto ciò, anche a dimostrazione che si può (e si deve) fare Politica pur restando fuori da tutti i Palazzi (locali, regionali o nazionali). Basta l’impegno civico, la passione e lo studio e basta assolvere al dovere di dedicare una parte del proprio tempo alla propria Città e al proprio Paese.

E si fa Politica anche segnalando per tempo occasioni che possono favorire i nostri Comuni, sperando che così non vadano sprecate. 1. E’ stata trasmessa a tutti i Sindaci  la circolare del Ministero dell’Interno dell’8 novembre 2021 con la quale si dirama lo schema di Patto per la sicurezza urbana dedicato ai sistemi di videosorveglianza e relativo alla concessione di contributi con scadenza 10 dicembre 2021 ai sensi del decreto del Ministro dell’Interno, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze del 9 ottobre u.s., pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 259 del 29 ottobre. I Comuni devono presentare le richieste di ammissione al finanziamento alla Prefettura territorialmente competente utilizzando, a pena di irricevibilità, il modello allegato A) al decreto. 2. Per promuovere la dieta mediterranea quale patrimonio culturale immateriale UNESCO, in quanto stile di vita ed insieme di pratiche tradizionali, la Regione Campania ha approvato un avviso pubblico rivolto ai Comuni singoli e/o associati della Regione per manifestazione di interesse finalizzata alla concessione di contributi per l’istituzione di uno o più poli per la valorizzazione del patrimonio legato alla cultura enogastronomica mediterranea http://www.agricoltura.regione.campania.it/comunicati/pdf/DRD_359-12-11-21.pdf. 3.

La Camera di Commercio di Caserta, allo scopo di stimolare il sistema produttivo provinciale in un momento di particolare difficoltà dovuta all’emergenza sanitaria Covid-19 ed alle sue ripercussioni sulla situazione economica complessiva, intende sostenere, nel solco di una tradizione ormai consolidata, programmi che, nel valorizzare i simboli della tradizione natalizia, possano generare positivi riflessi sul sistema economico e produttivo locale. I soggetti beneficiari sono: le Amministrazioni comunali della provincia di Caserta (con esclusione del Comune capoluogo, oggetto di specifico intervento) e le Associazioni di categoria. Qualora il Comune non presenti alcun progetto, quest’ultimo, infatti, potrà essere proposto in maniera congiunta da un raggruppamento di almeno tre associazioni datoriali tra quelle maggiormente rappresentative a livello provinciale e presenti all’interno del Consiglio della Camera di Commercio di Caserta – per il tramite di una associazione capofila – fino ad un massimo di 30 Comuni. L’ intervento camerale riguarda solo le spese riferite ad iniziative ed attività realizzate nel periodo 8 Dicembre 2021 – 6 gennaio 2022:  https://www.ce.camcom.it/sites/default/files/contenuto_redazione/ultimostato_1.pdf.