Contrasto TV

                       
   

OSAPP: “Carceri della Puglia al collasso”

Primo Piano – “Ancora  caos in PUGLIA ,  nella Struttura  Penitenziaria  di Lecce  nucleo interprovinciale traduzione e piantonamenti , nella giornata di ieri 17 luglio con pochissime unita di POLIZIA PENITENZIARIA   sono stati movimentati alto numero  di detenuti sia presso i tribunali per udienze  sia presso il nosocomio leccese per programmate visite specialistiche  , movimentazioni  di detenuti anche del circuito alta sicurezza  appartenenti ai vari CLAN Malavitosi territoriali e non solo  con grave nocumento alla sicurezza pubblica ed esposizione rischio personale Polizia Penitenziaria.”

A denunciare l’episodio è il Segretario Generale Aggiunto dell’O.S.A.P.P. (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria) Pasquale MONTESANO che aggiunge : Quanto avvenuto ieri a Lecce  è la riprova del fallimento dell’attuale politica penitenziaria in cui a fronte dell’incapacità dei vertici nazionali dell’amministrazione penitenziaria e delle articolazioni territoriali  nel rendere concreto un servizio legato al trattamento dei soggetti reclusi assolutamente non disgiunto dalla sicurezza delle infrastrutture penitenziarie , di cui a farne le spese sempre e solo i  Poliziotti Penitenziari   che continuano indefessamente a sacrificare la propria vita al servizio della legalità e della collettività.

Continua Montesano – lo stato delle strutture , la gravissima carenza degli organici , la mancanza di mezzi adeguati  , la fatiscenza delle strutture  obsolete e desuete nella forma e nella sostanza , apertura scellerate di apertura nuove strutture  e nuovi reparti   , il totale fallimento  della sanità penitenziaria  e del superamento O.P.G.   che hanno aggravato ulteriormente  lo stato penoso del sistema  , ci hanno imposto e ci impongono a confermare lo stato di agitazione  e manifestazioni di protesta eclatanti già in corso di perfezionamento .-

Conclude Montesano  – appare assolutamente urgente che il Guardasigilli Buonafede a fronte della palese incapacità dei vertici Regionali e Centrali dell’Amministrazione Penitenziaria disponga per le urgenti iniziative del caso quali ed anche l’immediata sostituzione delle autorità dimostratesi inadatte a gestire tale situazione nonché al fine di disporre per una immediata integrazione nella Regione Puglia dell’organico del personale di Polizia Penitenziaria dimostratosi ogni giorno di più numericamente insufficiente , di strumenti e mezzi  idonei a fronteggiare ogni avversità  “.

Alla politica, quindi, al nuovo capo del DAP  Pres.te BASENTINI deferiamo le decisioni rispetto ad una dirigenza penitenziaria che non appare da tempo in grado di assolvere ai propri obblighi istituzionali nonché la richiesta di riconoscimento della professionalità e dell’abnegazione espresse dai poliziotti penitenziari, pochi, mal retribuiti .

 

Articoli correlati