Posted on

Parete –  “La pura gioia è un’opera impossibile”. Così, forte e rivelatrice, si impone in quarta di copertina il primo periodo della descrizione dell’ultimo libro di Osvaldo Frasari, La pura gioia.

L’opera, si continua a leggere, è una “Mappatura di una voce fluida. Testimonianza intima di un sussurro in continua metamorfosi, di un respiro attraverso il quale si possono rintracciare memorie di un Sé come attraverso una pratica Zen, l’esercizio che conduce al perdersi e al ritrovarsi nell’abbandono e nel presente vivo”

La pura gioia, pubblicato per la sezione narrativa dalla casa editrice Spring Edizioni, sarà presentato venerdì 18 settembre, alle ore 19, presso la biblioteca comunale del Palazzo Ducale a Parete, in corso Umberto I.

La presentazione, organizzata nell’ambito del progetto “Dintorni- caratteri del territorio” e promossa dall’associazione culturale Gian Battista Basile, sarà moderata dalla giornalista Carla Caputo.

Una serata che corona un po’ il ritorno della letteratura e degli incontri letterari ‘coram’, durante la quale, viaggiando tra le riflessioni di un libro che si pone come “un prontuario dell’anima dove si può scorrere di parola in parola dentro goni cosa e nell’Uno, fluire nell’istante”, si potrà vivere un’esperienza ‘interiore’ in cui sarà stimolante “innescare il risveglio”.

BIOGRAFIA. Osvaldo Frasari, laureato in filologia moderna, ha collaborato con la cattedra di Critica Letteraria e Letterature comparate presso l’Università degli Studi della Campani “L. Vanvitelli”. Oggi è docente presso un istituto secondario di secondo grado. È presidente dell’associazione culturale “La Cruna” e direttore di collana per la Spring Edizioni. Ha pubblicato i romanzi “Senza Peso” (2009), “Domina in somnia” (2016) e La parola nota a tutti gli uomini (2018).