Contrasto TV

                       
   

Quarto, il gruppo d’opposizione: “L’amministrazione continua con la sua linea”

Quarto -In una nota inviata alla nostra redazione, il gruppo d’opposizione dichiara: “Bocciate diverse mozioni dell’opposizione. Abbiamo proposto (con nostra mozioni) l’aggraffamento dei box come pertinenze agli appartamenti assegnati subito dopo il bradisismo e l’hanno bocciata, respinta anche un’ ulteriore proposta di modifica alla stessa, affinché si prendesse almeno l’impegno politico, di risolvere la questione.

Non ci sembra opportuno che i legittimi assegnatari paghino un box a prezzo di mercato. Proponiamo ancora con mozione l’emissione della Carta di Identità Elettronica (CEI) a costo zero per chi ha un ISEE basso, e quindi non in condizioni di poter far fronte a questa spesa obbligatoria.  Con altra mozione proponiamo lo spostamento dell’ufficio anagrafe in piazza Santa Maria, che avrebbe rilanciato e ravvivato un centro storico che oggi è ridotto ai minimi termini anche nel commercio.

Terza ed ultima mozione, l’installazione di dissuasori in gomma per la sicurezza stradale utilizzando i proventi della legge 208, quindi senza incidere in modo diretto sulle casse comunali. Si bocciano mozioni e non si da nemmeno l’opportunità di discuterle, facendole decadere con infime ragioni. Ad oggi interpretiamo l’atteggiamento della maggioranza poco rispettoso per la sicurezza stradale e per le fasce deboli, evidentemente poco interessa a questi signori le difficoltà economiche che possono avere i nostri cittadini, perché davanti a queste si va anche oltre ad un formale regolamento.  Una maggioranza che dice di voler fare e collaborare e nel frattempo boccia qualsiasi proposta, una maggioranza che soprattutto non porta nessuna proposta di suo pugno. L’Unico atto di questa maggioranza in 5 mesi resta ancora l’elezione del presidente del consiglio. Un Presidente del Consiglio che dovrebbe essere garante di tutti i consiglieri comunali, ed invece, giocoforza fa gli interessi della sua maggioranza, dimenticando forse che tra i suoi 600 e più elettori sicuramente c’è qualcuno che ha difficoltà economiche. “

Articoli correlati