Posted on

Trentola Ducenta – «Adesso basta, tutte le Istituzioni devono intervenire per limitare il numero sempre crescente delle vittime della strada». A lanciare l’appello è Alberto Pallotti, presidente dell’Aufv, Associazione unitaria familiari e vittime ODV, che riunisce tre associazioni: l’Associazione familiari vittime della strada, l’Associazione Unitaria Familiari e Vittime dell’A.M.C.V.S. e l’associazione Mamme Coraggio e Vittime della Strada ODV.
In occasione della “Giornata mondiale Onu del ricordo delle vittime della strada”, Pallotti chiede una maggiore attenzione da parte del Governo, dei cittadini e delle associazioni sugli incidenti stradali. «Chiediamo anche che si parli di più di questo problema», aggiunge Biagio Ciaramella, vicepresidente dell’Associazione, «è necessaria una maggiore attenzione da parte dei politici, dei media e di tutti».

Sono troppe le persone che ogni anno perdono la vita sulle strade, tra cui moltissimi giovani. «Ma le leggi italiane non assicurano giustizia, devono essere modificate», continua Pallotti, «non è possibile che in un processo per omicidio stradale gli imputati vengano condannati a pene irrisorie grazie ai riti alternativi, agli sconti di pena e al concordato in appello. Non si può poter usufruire dello sconto di pena per aver scelto il rito abbreviato e poi di un ulteriore sconto perché si è proceduto ad applicare il “Concordato in appello”. Non è giusto nei confronti delle vittime e dei loro familiari». 

«Gli sconti di pena previsti dall’ordinamento italiano e la lunghezza dei processi non sono l’unico problema», aggiunge Pallotti, «bisogna intervenire sulle condizioni in cui versano molte strade, purtroppo sempre più insicure». Lo dimostrano i dati dell’Istat: se nel 2020 si è rilevata una riduzione degli incidenti stradali mai registrata prima, è dovuto solo ai periodi di lockdown imposti per contenere la diffusione dei contagi da Covid-19. Ma le vittime sono, comunque, state troppe: 2.395 morti in incidenti stradali e 159.249 feriti. Gli incidenti sono stati 118.298.

Intanto, alcune città italiane sono già pronte per celebrare la “Giornata delle vittime della strada” con diverse manifestazioni. Tra queste, va ricordata l’iniziativa “Ricordare per non dimenticare”, organizzata a Trentola Ducenta (CE) domenica prossima 21 novembre, dalle Associazioni Vittime della Strada. Sarà un incontro con i cittadini, le associazioni, le autorità civili, militari e religiose che si svolgerà nella chiesa di San Michele Arcangelo per ricordare le vittime, dare voce ai familiari e discutere di un problema purtroppo poco dibattuto. È stato proprio il vice presidente dell’Aufv, Biagio Ciaramella, a dichiarare che sulle tragedie della strada si parla poco, mentre dovrebbe essere maggiormente coinvolta tutta la società civile.

Anche l’associazione Mamme Coraggio e Vittime Della Strada ODV vuole essere parte attiva nella Giornata delle vittime della strada. La presidentessa Elena Ronzullo e l’avvocato dell’associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada ODV e familiari, Davide Tirozzi, hanno rilasciato le loro testimonianze a un programma radiofonico brasiliano (www.radiobrasilsomfm.com.br) che andrà in onda sabato 20 novembre alle 18, con replica il 24 novembre.

aifvsufficiostampa@vittimestrada.eu

www.vittimestrada.eu

                                   Programma

Ore 11:00 Interventi delle Autorità

Ore 11:30 Santa Messa celebrata da S.E. Mons. Angelo Spinillo, Vescovo di Aversa

E dal Parroco Don Marcellino Cassandra.

Al termine della Santa Messa seguiranno il volo dei palloncini e le attività previste ed organizzate dalla Scuola Secondaria di Primo grado “S. Giovanni Bosco”

LA CITTADINANZA E’ INVITATA AD INTERVENIRE

La Manifestazione si svolgerà nel pieno rispetto delle regole per il contenimento della diffusione del Covid 19

Si Ringraziano

Si ringraziano S.E. mons. Angelo Spinillo, Vescovo di Aversa; Don Marcellino Cassandra parroco di San Michele Arcangelo; Dr. Giuseppe Castaldo, Prefetto di Caserta; Dr. Antonio Borrelli, Questore di Caserta; Dr. Antonio Sepe, Dirigente del Commissariato di Aversa; M.llo Giuseppe Membrino, Comandante della Stazione dei Carabinieri di Trentola Ducenta; Ten. Col. Antonio Parisi, Comandante Polizia locale; Prof. Michele Di Martino, Dirigente Scolastico Scuola Secondaria “S. Giovanni Bosco”; Centro danza “Diana.  

Associazione unitaria familiari e vittime ODV- Presidente Alberto Pallotti                                                              

Associazioni Familiare e vittime della strada ODV Vice Presidente Biagio Ciaramella

Dott.ssa  Iolanda  Vassallo Psicologa e Criminologa                 

Caritas DI Aversa Direttore Don Carmine Schiavone 

Associazione ArteDonna Presidente Rachele Arena 

Libreria il Dono Presidente Allegro Fortunato