Posted on

Santa Maria Capua Vetere – Sarà presentato al club Napoli “SMCV Azzurra”  il volume “Interrompo dal San Paolo” (Giammarino Editore), venerdì 25 settembre alle ore 20:30 a S.Maria C.V. (CE) in via Luigi Sturzo, con inizio alle ore 20:00.

           

 

Interverranno due coautrici Alessia Bartiromo (Tele Prima) e Serena Li Calzi (Radio Marte). La serata avrà inizio con il saluti del presidente del club Avv. Rosario Avenia. Modererà l’incontro il giornalista Marco Falco (Sportcasertano.it), mentre leggerà alcuni passi dei racconti l’attore Mario Di Fonzo. Ospite della serata l’ex calciatore del Napoli Ivano Trotta, uno dei protagonisti della risalita della squadra azzurra dalla serie C alla serie A.

Per  lunghi  anni  “lo scusa Ameri”  annunciato  dal  radiocronista  di  “Tutto il calcio minuto per

minuto” è stato contemporaneamente l’occhio e il cuore di chi non c’era, passando – in qualche

modo – la palla a chi ascoltava. La TV veniva solo dopo, a freddo. E lì la scelta della Rai fu quella

del campanile garbato dei Necco, dei Vasino e dei Carino.

A sessant’anni dalla prima trasmissione, andata in onda il 10 gennaio del 1960, la forza del racconto

forbito, incisivo, immediato, educato, mai edulcorato e sempre accompagnato con giusti aggettivi

resiste anche allo strapotere dell’immagine televisiva.

Da queste basi nasce “Interrompo dal San Paolo”, debutta un progetto editoriale che riporta la

fantasia al potere imbracciando il pensiero immaginario contro una narrazione attuale contaminata

dall’abuso della tecnologia, fatta di numeri e percentuali che uccidono le emozioni.

Un   volume   curato   dal   giornalista  Pietro Nardiello,   con   la   prefazione   del   presidente   nazionale dell’Ordine dei Giornalisti Carlo Verna, a cui hanno preso parte 20 donne tra giornaliste e scrittrici che hanno raccontato altrettanti reti di calciatori che, in un modo o nell’altro, hanno contribuito a realizzare  la storia del Calcio Napoli: da Sivori a Maradona, da Savoldi a Mertens, da Juliano a Insigne.   Tante   storie   dove   i   protagonisti   non   vedono   il   gol,   o   non   riescono   a   vederlo,   ma   lo ascoltano alla radio, immaginandone le gesta dei protagonisti. Sono queste le storie che formano la ricchezza di un libro che offre un punto di vista diverso dal modello “maschio”.