Teverola, Città Fertile : “Commissione controllo e garanzia, dove sta la trasparenza?

Teverola – In una nota inviata alla nostra redazione, il gruppo “ Teverola città fertile” ha dichiarato: “Su otto convocazioni, la commissione controllo e garanzia si è riunita soltanto due volte. È un dato che esprime forte ostilità verso il confronto democratico sui temi che riguardano i cittadini.

 

Da parte nostra, nel ruolo che ci è stato conferito, abbiamo con senso di responsabilità sollevato questioni molto importanti con l’obiettivo di contribuire concretamente a risultati positivi per la comunità. Riteniamo che sfuggire e strumentalizzare qualsiasi cosa pur di non discutere insieme delle problematiche, non vada nella direzione tanto decantata della trasparenza, che evidentemente ha subito una trasformazione allo stato gassoso.

L’unica volta in cui la commissione, presieduta dal capogruppo di Teverola città fertile, si è riunita, è stata sull’apertura del presidio sanitario Asl di piazza Trieste. Se subito dopo l’incontro, ci si è attivati per accelerare i servizi, forse il ruolo dell’opposizione non è stato vano.

Avevamo convocato per due volte un incontro sulla commissione sismica, la cui inattività sta creando molte difficoltà per il disbrigo delle pratiche urbanistiche e non si è riusciti ad espletarla. Anche in questo caso però siamo stati da pungolo visto che, dopo la nostra richiesta, sono state firmate almeno le convenzioni con i tecnici nominati.

Più recentemente abbiamo chiesto di affrontare il problema dell’inutilizzo dello scuolabus parcheggiato nell’area comunale, ma nonostante due tentativi, di tutta risposta, assenza totale dei componenti della commissione.

Ci avrebbe fatto piacere essere da stimolo per affrontare i problemi reali, ma a quanto pare trasparenza e democrazia non hanno albergato molto a lungo nella casa comunale e si sono rivelate meri slogan elettorali. Sperando che la commissione controllo e garanzia possa essere messa nella condizione di svolgere il proprio compito, ci auguriamo anche che presto venga accolta la nostra richiesta, inoltrata la presidente del consiglio comunale Gennaro Caserta, di rendere possibili le riprese audio/video delle sedute civiche. Tra gli annunci e i fatti, la differenza sta sempre nelle azioni. E GARANZIA, SU OTTO CONVOCAZIONI SOLO COMMISSIONE CONTROLLO E GARANZIA, SU OTTO CONVOCAZIONI SOLO DUE SEDUTE, DOVE STA LA “TRASPARENZA”?

Su otto convocazioni, la commissione controllo e garanzia si è riunita soltanto due volte. È un dato che esprime forte ostilità verso il confronto democratico sui temi che riguardano i cittadini. Da parte nostra, nel ruolo che ci è stato conferito, abbiamo con senso di responsabilità sollevato questioni molto importanti con l’obiettivo di contribuire concretamente a risultati positivi per la comunità. Riteniamo che sfuggire e strumentalizzare qualsiasi cosa pur di non discutere insieme delle problematiche, non vada nella direzione tanto decantata della trasparenza, che evidentemente ha subito una trasformazione allo stato gassoso.

L’unica volta in cui la commissione, presieduta dal capogruppo di Teverola città fertile, si è riunita, è stata sull’apertura del presidio sanitario Asl di piazza Trieste. Se subito dopo l’incontro, ci si è attivati per accelerare i servizi, forse il ruolo dell’opposizione non è stato vano.

Avevamo convocato per due volte un incontro sulla commissione siismica, la cui inattività sta creando molte difficoltà per il disbrigo delle pratiche urbanistiche e non si è riusciti ad espletarla. Anche in questo caso però siamo stati da pungolo visto che, dopo la nostra richiesta, sono state firmate almeno le convenzioni con i tecnici nominati.

Più recentemente abbiamo chiesto di affrontare il problema dell’inutilizzo dello scuolabus parcheggiato nell’area comunale, ma nonostante due tentativi, di tutta risposta, assenza totale dei componenti della commissione.

Ci avrebbe fatto piacere essere da stimolo per affrontare i problemi reali, ma a quanto pare trasparenza e democrazia non hanno albergato molto a lungo nella casa comunale e si sono rivelate meri slogan elettorali. Sperando che la commissione controllo e garanzia possa essere messa nella condizione di svolgere il proprio compito, ci auguriamo anche che presto venga accolta la nostra richiesta, inoltrata la presidente del consiglio comunale Gennaro Caserta, di rendere possibili le riprese audio/video delle sedute civiche. Tra gli annunci e i fatti, la differenza sta sempre nelle azioni. SEDUTE, DOVE STA LA “TRASPARENZA”?

Su otto convocazioni, la commissione controllo e garanzia si è riunita soltanto due volte. È un dato che esprime forte ostilità verso il confronto democratico sui temi che riguardano i cittadini. Da parte nostra, nel ruolo che ci è stato conferito, abbiamo con senso di responsabilità sollevato questioni molto importanti con l’obiettivo di contribuire concretamente a risultati positivi per la comunità. Riteniamo che sfuggire e strumentalizzare qualsiasi cosa pur di non discutere insieme delle problematiche, non vada nella direzione tanto decantata della trasparenza, che evidentemente ha subito una trasformazione allo stato gassoso.

L’unica volta in cui la commissione, presieduta dal capogruppo di Teverola città fertile, si è riunita, è stata sull’apertura del presidio sanitario Asl di piazza Trieste. Se subito dopo l’incontro, ci si è attivati per accelerare i servizi, forse il ruolo dell’opposizione non è stato vano.

Avevamo convocato per due volte un incontro sulla commissione siismica, la cui inattività sta creando molte difficoltà per il disbrigo delle pratiche urbanistiche e non si è riusciti ad espletarla. Anche in questo caso però siamo COMMISSIONE CONTROLLO E GARANZIA, SU OTTO CONVOCAZIONI SOLO DUE SEDUTE, DOVE STA LA “TRASPARENZA”?

Su otto convocazioni, la commissione controllo e garanzia si è riunita soltanto due volte. È un dato che esprime forte ostilità verso il confronto democratico sui temi che riguardano i cittadini. Da parte nostra, nel ruolo che ci è stato conferito, abbiamo con senso di responsabilità sollevato questioni molto importanti con l’obiettivo di contribuire concretamente a risultati positivi per la comunità. Riteniamo che sfuggire e strumentalizzare qualsiasi cosa pur di non discutere insieme delle problematiche, non vada nella direzione tanto decantata della trasparenza, che evidentemente ha subito una trasformazione allo stato gassoso.

L’unica volta in cui la commissione, presieduta dal capogruppo di Teverola città fertile, si è riunita, è stata sull’apertura del presidio sanitario Asl di piazza Trieste. Se subito dopo l’incontro, ci si è attivati per accelerare i servizi, forse il ruolo dell’opposizione non è stato vano.

Avevamo convocato per due volte un incontro sulla commissione siismica, la cui inattività sta creando molte difficoltà per il disbrigo delle pratiche urbanistiche e non si è riusciti ad espletarla. Anche in questo caso però siamo stati da pungolo visto che, dopo la nostra richiesta, sono state firmate almeno le convenzioni con i tecnici nominati.

Più recentemente abbiamo chiesto di affrontare il problema dell’inutilizzo dello scuolabus parcheggiato nell’area comunale, ma nonostante due tentativi, di tutta risposta, assenza totale dei componenti della commissione.

Ci avrebbe fatto piacere essere da stimolo per affrontare i problemi reali, ma a quanto pare trasparenza e democrazia non hanno albergato molto a lungo nella casa comunale e si sono rivelate meri slogan elettorali. Sperando che la commissione controllo e garanzia possa essere messa nella condizione di svolgere il proprio compito, ci auguriamo anche che presto venga accolta la nostra richiesta, inoltrata la presidente del consiglio comunale Gennaro Caserta, di rendere possibili le riprese audio/video delle sedute civiche. Tra gli annunci e i fatti, la differenza sta sempre nelle azioni. stati da pungolo visto che, dopo la nostra richiesta, sono state firmate almeno le convenzioni con i tecnici nominati.

Più recentemente abbiamo chiesto di affrontare il problema dell’inutilizzo dello scuolabus parcheggiato nell’area comunale, ma nonostante due tentativi, di tutta risposta, assenza totale dei componenti della commissione.

Ci avrebbe fatto piacere essere da stimolo per affrontare i problemi reali, ma a quanto pare trasparenza e democrazia non hanno albergato molto a lungo nella casa comunale e si sono rivelate meri slogan elettorali. Sperando che la commissione controllo e garanzia possa essere messa nella condizione di svolgere il proprio compito, ci auguriamo anche che presto venga accolta la nostra richiesta, inoltrata la presidente del consiglio comunale Gennaro Caserta, di rendere possibili le riprese audio/video delle sedute civiche. Tra gli annunci e i fatti, la differenza sta sempre nelle azioni”.