Posted on

Teverola – In data 13 maggio, con deliberazione di giunta comunale n. 43, sono stati approvati il catalogo dei progetti di pubblica utilità che vedrà impegnati, anche il  Comune, i percettori del reddito di cittadinanza in diverse attività.

I progetti sono stati predisposti dall’Ufficio Politiche Sociali del Comune di Teverola che coinvolgeranno i vari rami dell’Ente: due nell’ambito sociale, uno nell’ambito vigilanza e un altro, invece, nell’ambito ambiente.

I progetti sono:

1) 𝐬𝐞𝐫 𝐯𝐢 𝐀𝐌𝐎 𝐓𝐞𝐯𝐞𝐫𝐨𝐥𝐚 𝐩𝐞𝐫 𝐧. 𝟏𝟓 𝐮𝐭𝐞𝐧𝐭𝐢: al fine di favorire l’inclusione sociale del cittadino con difficoltà di inserimento socio-lavorativo, il progetto impegna i percettori del RdC in attività di supporto al lavoro del personale in servizio: pulizia degli ambienti, servizio di portineria, accoglienza utenti, lavoro di segreteria e smistamento documenti;

2) 𝐓𝐞𝐯𝐞𝐫𝐨𝐥𝐚 𝐢𝐧 𝐒𝐢𝐜𝐮𝐫𝐞𝐳𝐳𝐚 𝐩𝐞𝐫 𝐧. 𝟏𝟓 𝐮𝐭𝐞𝐧𝐭𝐢: il progetto prevede vigilanza e controllo all’entrata e all’uscita delle scuole cittadine e/o partecipazione alle manifestazioni organizzate dal Comune di Teverola;

3) 𝐓𝐞𝐯𝐞𝐫𝐨𝐥𝐚 𝐆𝐑𝐄𝐄𝐍-𝐦𝐚𝐧𝐮𝐭𝐞𝐧𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐬𝐩𝐚𝐳𝐢 𝐯𝐞𝐫𝐝𝐢 𝐞 𝐞𝐝𝐢𝐟𝐢𝐜𝐢 𝐩𝐮𝐛𝐛𝐥𝐢𝐜𝐢 𝐩𝐞𝐫 𝐧. 𝟐𝟎 𝐮𝐭𝐞𝐧𝐭𝐢: con l’intento di migliorare il decoro urbano i percettori del RdC saranno impegnati in attività di manutenzione e cura delle aree verdi, manutenzione dei parchi, cortili scolastici e cimitero;

4) #𝐓𝐞𝐯𝐞𝐫𝐨𝐥𝐚 𝐬𝐢 𝐯𝐮𝐨𝐥𝐞 𝐛𝐞𝐧𝐞 𝐩𝐞𝐫 𝐧. 𝟐𝟎 𝐮𝐭𝐞𝐧𝐭𝐢: il progetto prevede il supporto domiciliare e assistenziale per anziani e/o cittadini con disabilità (es. recapito della spesa, pagamento di bollette e/o consegna medicinali).

⬇️

“I PUC rappresentano, per i beneficiari del reddito di cittadinanza, oltre ad un obbligo anche un’occasione di inclusione e crescita personale” – afferma il 𝐃𝐨𝐭𝐭. 𝐆𝐞𝐧𝐧𝐚𝐫𝐨 𝐂𝐚𝐬𝐞𝐫𝐭𝐚, 𝐏𝐫𝐞𝐬𝐢𝐝𝐞𝐧𝐭𝐞 𝐝𝐞𝐥 𝐂𝐨𝐧𝐬𝐢𝐠𝐥𝐢𝐨 𝐂𝐨𝐦𝐮𝐧𝐚𝐥𝐞 – “in quanto i progetti saranno strutturati in relazione alle competenze professionali del beneficiario e in base agli interessi e alle propensioni che emergeranno nel corso dei colloqui che saranno sostenuti presso il servizio sociale professionale del comune o presso il centro per l’impiego. Pertanto, come Amministrazione Comunale, intendiamo perseguire – continua Caserta – la promozione dell’integrazione sociale e lavorativa dei soggetti beneficiari e l’interesse generale della comunità locale con il potenziamento dei servizi già attivi. Le attività, i tempi, le risorse necessarie e i soggetti da coinvolgere sono state e saranno individuate in base alle esigenze del territorio.”

“Ci stiamo lavorando da tempo, ed è giusto che i percettori del RdC facciano quanto previsto dalla Legge. Sarà motivo di crescita e di incontro, sia personale che lavorativo. Saranno impegnati in questi progetti di pubblica utilità. Ne beneficerà l’intera comunità. Nonostante i continui ostacoli che siamo costretti ad affrontare, in qualità di Sindaco di questa città – afferma il 𝐩𝐫𝐢𝐦𝐨 𝐜𝐢𝐭𝐭𝐚𝐝𝐢𝐧𝐨, 𝐓𝐨𝐦𝐦𝐚𝐬𝐨 𝐁𝐚𝐫𝐛𝐚𝐭𝐨 – continuerò a lavorare per portare risultati positivi.”