Posted on

Trentola Ducenta – Il sindaco Michele Apicella in un post pubblicato su Facebook dichiara: “L’anno che abbiamo appena salutato è stato innegabilmente particolare ed anche le festività Natalizie sono state vissute con spirito diverso, all’insegna della sobrietà ed essenzialità; ciononostante abbiamo ritenuto comunque opportuno che un giorno tanto caro ai più piccoli, come quello dell’Epifania, non passasse inosservato.

Sono entusiasta del fatto che, nonostante il momento difficile che stiamo vivendo, le attività commerciali presenti sul territorio abbiano dimostrato che la generosità è più forte di ogni difficoltà.

Infatti, grazie al grande cuore dei commercianti ed all’impegno di questa amministrazione comunale, abbiamo potuto realizzare una serie di iniziative solidali che hanno visto l’ultima, in ordine di tempo, dedicata ai più piccoli in occasione della Befana. Le nostre befane, grazie all’impegno degli assessori alla Cultura ed alle Politiche sociali, retti rispettivamente da Vincenzo Sagliocco e Giovanna Mazzitelli, sono così riuscite a fare il loro lavoro, distribuendo dolciumi e sorrisi anche tra i bambini meno fortunati.

È stata essenziale la collaborazione del Centro Commerciale Jambo, che ha aderito all’iniziativa attraverso l’amministratore Salvatore Scarpa e il direttore Luigi Credendino. La Protezione civile di Trentola Ducenta si è trasformata così in una “moderna” Befana, consegnando un centinaio di calze e di giocattoli ai bambini bisognosi della città, nel tentativo di regalare un sorriso e un momento di felicità e spensieratezza.

In questa “dolce” iniziativa non sono stati trascurati nemmeno i neonati, ai quali è stata dedicata una particolare attenzione, con un’iniziativa ad hoc, realizzata dall’assessorato alle Politiche sociali: ai più piccini abbiamo assicurato, grazie alla collaborazione di farmacie e parafarmacie, omogeneizzati, pappe ed altri generi alimentari, che rappresentano un costo elevato per le famiglie in genere e maggiormente per quelle che si trovano a combattere la crisi economica generata dal virus.

Ritengo doveroso rivolgere un gigantesco grazie a tutti coloro che hanno collaborato alle diverse iniziative poste in campo, che ci hanno permesso di donare qualche momento di gioia e spensieratezza a chi è meno fortunato. Un sentito grazie va anche a tutto il mio staff, ed in particolare al coordinatore Mena Esposito, che tanto ha lavorato per la buona riuscita delle iniziative”.

Abbiamo assistito ad un vero e proprio slancio di generosità, in cui si può riscontrare il desiderio di restare comunità. È questo forse il miglior proposito per il 2021.”