Posted on

Primo Piano – “Lo scorso 14 settembre, a Roma, è stata siglata la partnership tra l’Unione internazionale giovani commercialisti (IUYA) e l’Italian Export Forum (IEF), piattaforma multichannel di confronto sul Made in Italy, tra i più rilevanti players nel panorama imprenditoriale e istituzionale italiano ed estero. IEF è nato dall’esperienza dell’imprenditore Lorenzo Zurino con l’obiettivo di creare una stabile connessione tra imprese, professionisti ed istituzioni dell’export. Questa partnership permetterà ai professionisti di migliorare le performance nell’ambito del commercio estero, mettendo a fattor comune le competenze e la rete dei giovani professionisti che sono specializzati – o che intendono specializzarsi ancor più – con le imprese che esportano il Made in Italy e quelle che intendono ampliare i propri mercati o iniziare a farlo”. Lo afferma il presidente di IUYA, Francesco Pepe Milizia.

La presentazione dell’accordo e delle iniziative previste avverrà nel corso della seconda edizione degli Stati Generali dell’Export, il 10 ottobre a Bari alla Nuova Fiera del Levante. Il tema dell’incontro, in programma alle ore 10, sarà “Pandemia Covid-19, il valore dell’Export: scenari di sviluppo e sostegno futuro al made in Italy”.

Gli Stati Generali dell’Export ospiteranno rappresentanti del governo come il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, oltre a una folta presenza di governatori del Centro Sud e personalità provenienti da diversi ambiti imprenditoriali, come Andrea Benetton, ceo Cirio Agricola, Matteo Marzotto, presidente Dondup, Marcello Minenna, direttore generale delle Agenzie delle Dogane, Pasquale Salzano, presidente Simest, Leonardo Patroni Griffi, presidente della Banca Popolare di Puglia e Basilicata e i partner tecnici di IEF, tra cui Nuova Fiera del Levante, Ente Nazionale per il Microcredito, 012 Factory, il partner scientifico John Cabot University. 

In quell’occasione IUYA, tra i partner tecnici, offrirà il supporto alle aziende italiane che intendono sviluppare gli investimenti nei mercati esteri.