Posted on

Napoli – “Dopo mesi di prese in giro, di ripartenze fantasma, di vuote promesse, il governo non ha la più pallida idea di come garantire un futuro lavorativo agli operai della Whirlpool.

Purtroppo la chiusura dello stabilimento di via Argine era già scritta quando hanno messo, prima la sinistra con Calenda e poi i grillini con Di Maio e Patuanelli, a gestire il tavolo delle crisi industriali. E così si consuma a Napoli  l’ennesimo scempio a danno di migliaia di operai e delle loro famiglie che presto non sapranno come mettere un piatto a tavola. Non si possono affidare due ministeri fondamentali a chi non ha nessuna idea per l’Italia e per il Sud”. Lo scrive in una nota Severino Nappi, consigliere regionale della Lega in Campania.