“Quando Crederai” il debutto di Marco Minafra 

Campania – Restare in silenzio quando il pensiero arriva verso un punto di non ritorno è un atteggiamento comune per tutti coloro che sono dotati di una spiccata sensibilità nei confronti della vita, delle esperienze e dei cambiamenti legati alla crescita personale.

Quando le parole diventano mute, il silenzio fa rumore ed invita a cercare tutte le risposte alle domande che, incessanti, turbano lente, si sovrappongono ma, inevitabilmente terminano il loro percorso nella parte più intima di sé.

QUANDO CREDERAI è il singolo di debutto di Marco Minafra, giovane artista emergente e scrittore di una musica che vede il pop come il genere adatto a raccontare le sue storie personali.

Marco Minafra ha una forte attitudine alla musica e alla danza, è titolare dell’Accademia dei Talenti di Ruvo di Puglia ed ha studiato presso il Politecnico di Bari.

Ha un forte legame con le sue radici e canta d’amore, di consapevolezza, del passato cosi vicino di un giovane che ha deciso di mettere tutto in discussione, spinto dal suo spiccato senso di creatività.

QUANDO CREDERAI è una canzone dall’ottimo sound con un arrangiamento di percussioni minimali, chitarra e suoni sintetizzati per creare l’effetto giusto ed accompagnare i toni melodici e alternati del timbro di voce dell’autore.

Il suono del pianoforte accompagna fin da subito le parole, spesso in rima, perché l’autore ha deciso di mostrare l’immagine più pura di sé, lontana dalla maschera di un passato di delusioni, fermo nelle sue radici e consapevole di essere ormai capace di rialzarsi da solo.

“Quando Crederai di rimanere indietro, penserai che non sia facile mentre guardi questo cielo su di te”

Il racconto in versi di Marco Minafra è personale, ma può essere lo stesso di tanti che come lui non possono continuare nell’insicurezza, hanno bisogno di certezze, nella speranza di un domani luminoso.

“Domani ci sarà e Tu sarai con Me”

E’ il punto d’arrivo lungo un viaggio che attraversa sentimenti ed emozioni tradotte in musica melodica, orecchiabile e dalle parole semplici e cantate con franca dolcezza.

Il branonegli ultimi minuti ci lascia ascoltare il suono della chitarra elettrica mentre la sua voce risulta ancora più profonda, in quanto amplificata da effetti corali ed espansivi.

Se la fine è solo l’inizio, questo vale anche per il singolo di Marco Minafra che rientra al termine del brano con le stesse parole che lo hanno introdotto al fine di rendere ancora più leggibile la sua storia, la sua voce e la sua promessa che presto ci sarà ancora una nuova canzone…

Collegati al nostro canale whatsapp per restare aggiornato