Posted on

Primo Piano – A darne notizia il segretario Generale Aggiunto O.S.A.P.P. Pasquale Montesano che dichiara :

Sono diverse le cause da ricercare in questa situazione di forte tensione. A problemi ormai cronici di sovraffollamento da una parte e di carenza di adeguato organico dall’altra, si è aggiunta una minore disponibilità di personale a causa delle assenze per Covid e quello in turno è sempre più provato da turni estenuanti peggiorati dal sacrosanto e indiscutibile utilizzo dei dispositivi anticontagio .

Stiamo ricevendo notizie più che allarmanti su un gravissimo peggioramento dei contagi da Covid-19 nelle infrastrutture penitenziarie sull’intero territorio Pugliese mentre le risposte incomplete e parziali che pervengono dal servizio sanitario nazionale e regionale  ci inducono ad immaginare il peggio in una situazione già di per sé esplosiva quale quella del sistema penitenziario .

D’altro canto non risulta siano state sospese sul territorio quelle attività che portano da un lato al costante contatto diretto con il carcere di soggetti provenienti dall’esterno e d’altro canto ai quotidiani spostamenti di detenuti da una sede all’altra con ciò incrementando ulteriormente il rischio del diffondersi della pandemia quale lo scellerato spostamento  di oltre 20 detenuti da San Severo a Taranto .

Mancano urgenti iniziative sul disinteresse della Azienda Sanitaria dipendente dalla Regione  Puglia ,l’assenza di risposte del Governatore Emiliano e interventi del Ministero della Giustizia e del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria .

Gli operatori tutti sono stremati e in particolare gli uomini e donne della Polizia Penitenziaria che stanno affrontando questa emergenza con spirito di sacrificio e senso di responsabilità che non potrà evitare la totale chiusura delle stanze di pernottamento (CELLE).