Contrasto TV

                       
   

Carinaro, Mario Masi a Dell’Aprovitola: “La gente di Carinaro conosce le nostre origini e storie”

Carinaro – In una nota inviata alla nostra redazione, Mario Masi dichiara: “La sig.ra Dell’Aprovitola in questi giorni ha reso diverse dichiarazioni ai giornali, come sempre velenose e riprovevoli nei confronti dei suoi avversari politici, da lei definiti come “dinosauri”o “ traditori “. Questi  giudizi calunni o si eran corosi non meritano alcun commento. Non ne vale la pena. La gente di Carinaro conosce le nostre origini e storie ed anche quelle degli altri.

Le dichiarazioni sui motivi della sua ricandidatura – portare a termine il programma interrotto per colpa dei 3 traditori–mi sollecitano invece qualche domanda e brevi riflessioni.

Qual è il programma interrotto che l’aspirante sindaco vuole portare a termine?Sara’ forse quello scopiazzato da un Comune  leghista del Nord per il quale fu già sbugiardata nella campagna elettorale di 4 anni fa?Oppure quello messo in piedi per compiacere alcuni suoi consiglieri, scesi in politica per il solo intento di realizzare tornaconti personali ?

Le poche cose fatte dalla passata Amministrazione si collegano a progetti o a finanziamenti ereditati dalla precedente Amministrazione. Lo provano i lavori di ampliamento di Via D’Annunzio, di ammodernamento di Via Zara e Via Virgilio e quelli del completamento del cimitero. Per il resto, solo quisquiglie,bruscolini, e tanta clientela.

Prima del programma, la candidata ha il dovere di dare conto  di tutti gli appuntamenti mancati, come la rinuncia al finanziamento di Via Volta; la rinuncia all’acquisto del Palazzo Ducale; lo stravolgimento urbanistico dell’area dell’ex impianto di depurazione,spinto dalla voglia di realizzare un Asilo nido anche per i residenti di Gricignano, Cesa e Succivo,violando o le prescrizioni del Piano regolatore che prevedono percorsi completamente diversi per realizzare asili nido;la mancata volontà di esprimere un netto NO all’insediamento di nuove aziende a rischio ambientale; la incapacità a rivendicare un nuovo ruolo per Carinaro nelle politiche di nuova industrializzazione, favorendo così azioni di saccheggio del territorio, presenti e future; la cocciuta e misteriosa volontà di assumere in pianta stabile l’ing. Ferriello,figura della quale il Comune non aveva bisogno anche perchè il professionista operava già come consulente particolare del Sindaco; la vergognosa rinuncia ad un lungo contratto di affitto per la villa comunale e l’area mercato, ecc.

Ed infine, è mai possibile che la candidata non abbia proprio niente da dire in merito ai tanti avvisi di accertamento per la tassa sul PASSO CARRABILE,inviati alla vigilia delle feste di Natale ? Se è vero che questo  tassa viene pretesa oggi che lei non è più sindaco, è altrettanto vero che essa è stata sollecitata da una iniziativa della SO.GE.S, società che gestisce l’accertamento e la riscossione dei tributi  comunali e che ha messo le tende a Carinaro proprio a seguito di una decisione di Dell’Aprovitola e della sua maggioranza.Detta società è fortemente interessata a questa tassa in quanto da essa percepirà grossi guadagni (aggi) legati alle somme accertate e riscosse(finanche sui versamenti volontari dei contribuenti!). La singolarità di questo nuovo salasso per I cittadini risiede nel fatto che questa nuova tassa è stata messa in piedi in modo arbitrario e confuso, sia in ordine al presupposto dell’imposizione ell’esatta individuazione dei soggetti  obbligati e sia sui modi di notifica degli avvisi di accertamento, molti dei  quali eseguiti senza rispettare la legge.Ma sulla intera vicenda  della tassa sui PASSI CARRABILI a breve tornerò in modo più analitico.”

 

 

 

 

Articoli correlati