Posted on

Carinaro – Il vice sindaco Mario Moretti in una nota inviata alla nostra redazione  scrive al direttore di Casertace e dichiara: “Gentile dott. Guarino, apprezzo la fatica che Lei sta facendo a difesa di una determinata tesi e le auguro di poter dimostrare quanto da Lei asserito nei suoi ultimi articoli.

Nell’opera di trasparenza e legalità che Lei persegue, sappia che troverà sempre il mio sostegno. Se lei avesse avuto, però, la gentilezza, la cordialità ma soprattutto l’accortezza di colloquiare con il sottoscritto si sarebbe, forse, risparmiato alcune inesattezze e soprattutto alcuni giudizi non adeguati ad un giornalista scrupoloso e rispettoso dei fatti, quale è Lei.

Non entro nel merito delle cose da Lei asserite e le riconosco che sono cose per le quali Lei sta lavorando da molto prima dell’insediamento dell’attuale Amministrazione di Carinaro. Mi consenta solo di consigliarle, per evitare partigianerie, di ascoltare sempre le “due campane”. In questo caso, la “seconda” è quella del Sindaco Nicola Affinito, che per la verità non si è fatta attendere e che, a mio giudizio appare adeguata ed esaustiva.

Adesso può, non posso esimermi dal sottolineare, anche per evitare ulteriori suoi giudizi inesatti, che il sottoscritto è stato il primo eletto nella passata tornata elettorale, riportando un plebiscito di preferenze che hanno, politicamente, IMPOSTO la mia carica a Vicesindaco.

Rivendico con orgoglio questa grande manifestazione di affetto e di stima che mi è venuta, soprattutto, dai giovani. E’ stata una poderosa risposta di condivisione dei miei valori e delle mie proposte che mi rendono ancor più responsabile ed impegnato al servizio esclusivo della mia comunità.”