Posted on

Carinaro – Mario Moretti, assessore alla Pubblica Istruzione in una nota inviata alla nostra redazione dichiara: “L’inizio di questo nuovo anno scolastico rappresenta un punto di ripartenza essenziale per i giovani e la società civile tutta.

La ripresa della didattica in presenza, infatti, segna un momento di svolta e di rottura ideale rispetto agli ultimi due anni di scoramento a causa della pandemia da Covid- 19. Lo sforzo profuso in maniera sinergica dalle istituzioni a livello centrale e locale da un lato e dal personale scolastico dall’altro hanno consentito di porre un argine all’effetto destabilizzante provocato dalla pandemia.

Non c’è dubbio tuttavia che purtroppo la diffusione del virus ha avuto dei riflessi negativi sulla società civile tutta riverberandosi in modo particolare con effetto a catena sulle famiglie e sulle nuove generazioni.

C’è bisogno di ripartire, di buttare il cuore oltre l’ostacolo nella consapevolezza che il dolore delle perdite che in maniera diretta o riflessa abbiamo subìto può essere sublimato solo se troviamo la forza di ricominciare. Da questo punto di vista la Scuola costituisce la sede elettiva di questa ripartenza. Gli alunni di ciascuna fascia di età rappresentano la proiezione di ciò che la società sarà in grado di offrire domani.

L’augurio che mi sento di fare a ciascuno di essi è di avere coraggio e di non lasciarsi vivere passivamente mai, di vivere la scuola con curiosità, consapevoli che la socialità e l’apprendimento sono due momenti inscindibili del percorso evolutivo che ci trasforma costantemente in esseri evoluti. Un ringraziamento particolare al corpo docente ed al personale scolastico tutto per come si è riusciti a gestire questo momento storico così delicato.

In qualità di Assessore alla Pubblica Istruzione della Comunità che ho l’onore di rappresentare- insieme al resto della Amministrazione – rinnovo la mia disponibilità e vicinanza rispetto a tutte le problematiche che mi verranno sottoposte e che con lavoro di squadra riusciremo insieme a superare. Buon anno scolastico a tutti.”