Posted on

Caserta – Il Comune di Caserta dà il via al “Modello Welfare Caserta”, un’attività di coordinamento delle iniziative di volontariato svolte sul territorio cittadino nata con l’obiettivo di rendere più organizzata, efficiente ed efficace l’assistenza alla cittadinanza, con particolare riferimento alle fasce più deboli e a rischio, in un momento delicato a causa dell’emergenza coronavirus.

Il nuovo piano operativo è stato deciso dal COC, il Centro Operativo Comunale, nel corso dell’ultima seduta svoltasi in videoconferenza, convocata dal sindaco Carlo Marino proprio per discutere delle iniziative e disposizioni per l’impiego del volontariato nella gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Il coordinamento di tutte le attività di volontariato sul tema COVID-19 che, a qualsiasi titolo sono state e saranno proposte al Comune di Caserta, nonché i dettagli operativi di tali attività,  sono da oggi affidate alla  comitato provinciale della Croce Rossa Italiana, associazione che garantisce la necessaria competenza ed esperienza per la gestione delle situazioni di emergenza.

La CRI redigerà un apposito elenco dei volontari impiegati ai quali assegnerà un codice identificativo. I volontari dovranno rilasciare una autodichiarazione nella quale esonerano il Comune e la Croce Rossa Italiana da qualsiasi tipo di responsabilità relativa all’attività espletata.

Le associazioni dovranno garantire che tutte le attività di supporto alla cittadinanza avvengano in sicurezza, sia per il volontario che per l’utente, senza contatto diretto e garantendo in assoluto il rispetto di tutte le norme di sicurezza previste dalle normative vigenti e non potranno, in nessun caso, essere svolte senza l’utilizzo precauzionale di dispositivi di protezione personale.

Le attività riguarderanno la consegna a domicilio di generi alimentari, medicinali e di altri beni di prima necessità. Il servizio, svolto nelle fasce orarie 9-12 e 16-18 dal lunedì al venerdì, il sabato 9-12, la domenica 9-12 solo per richieste urgenti di farmaci salvavita, è rivolto agli anziani, disabili, cittadini in quarantena obbligatoria o volontaria, persone in assoluto stato di necessità la cui valutazione sarà affidata alla Croce Rossa, caso per caso.

La CRI, che ha immediatamente accolto la richiesta del Comune, ha reso disponibile la propria sede di via Petrarelle – vicolo Pacifico, la propria utenza telefonica 0823/321000 e l’indirizzo mail caserta@cri.it, per la raccolta delle richieste di assistenza da parte della cittadinanza.

Le associazioni che vogliono aderire al progetto “Modello Welfare Caserta” possono inviare all’indirizzo mail segreteria.sindacomarinocomune.caserta.it la propria richiesta, che sarà attentamente valutata dal Coc.

“Colgo l’occasione per ringraziare nuovamente – ha detto il sindaco Carlo Marino – tutta la rete del volontariato cittadino per quanto fatto in questi ultimi giorni. Ma ora che la situazione si sta facendo più complessa c’è bisogno di un coordinamento promosso dalla Città di Caserta, sia per permettere una assistenza più rapida ed efficiente alla popolazione, che per garantire che tutte le attività siano completate in sicurezza per volontari ed utenti. La Croce Rossa Italiana ha immediatamente accolto l’invito del Comune e fornirà tutto il supporto tecnico e operativo necessario per affrontare questa fase di emergenza. Sono certo che quello che oggi abbiamo chiamato ‘Modello Welfare Caserta’ – ha concluso Marino – sarà una preziosa buona pratica da seguire in futuro, in un prossimo futuro, quando questa inaspettata e surreale emergenza sarà finita”.