Posted on

Editoriale – «’O mare fa paura», ma dico: «’0 mare sta facenno ‘o mare».
Così scriveva il grande Eduardo nel 1968 e forse non aveva tutti i torti…

‘o mare fa o ‘mare in estate con quell’aria inconfondibile , quel clima mite che rende tutto meno freddo, con quelle foto che fanno il giro del mondo sul lungomare e lui lì sullo sfondo quasi come se si mettesse in posa… ‘o mare fa ‘o mare quando la luna si rispecchia nelle sue acque rendendo tutto così magico , ‘o mare fa ‘o mare quando quella città partenopea come un presepe la vediamo come uno specchio su quella tavola piatta nelle notti d’ estate…e ‘o mare fa ‘o mare quando decide di non perdonare nessuno e scagliarsi con prepotenza contro una terra forse troppo ferma …forse è ancora il dolore della Sirena Parthenope che riecheggia d’amore per Ulisse o forse è la natura che fa il suo corso o forse ancora è un renderci conto che non esistono confini tra noi e lei.

Leopardi la definiva “natura matrigna” ma ‘o mare fa ‘o mare e forse quella del 28 dicembre è stata una storia che si ripete , non a caso L’ ultima mareggiata ci fu il 28/12/1927…stessa data, stesso giorno. Una natura che non conosce confini, il risultato di quell’azione del mare quando fa di sé stesso un verbo, quando ricorda a tutti noi che è mare perchè mareggia , perché spazza via tutte le certezze, il presente e il passato e per complice ha lui, il vento, che appare e scompare in un soffio… una natura che quest anno ci ha fatto capire quanto siamo piccoli dinanzi alla sua violenza , una natura anche invisibile ma che quest anno ci ha messo in ginocchio…Eduardo scriveva che ‘o mare fa ‘o mare? E io dico anche che ‘o sole fa ‘o sole e il 29 dicembre (giorno dopo) Napoli come è suo solito si è svegliata con quel sole…

L’immagine di una Napoli che non si arrende, di una Napoli che è un po’ come il suo mare , a tratti amorevole , a tratti burrascosa, una Napoli dove torna il sereno, perché Napoli chest è! È come il mare che infrangendosi contro gli scogli trova la forza di rialzarsi sempre…