Posted on

Mondragone – In una nota inviata alla nostra redazione, l’AMBC ha dichiarato: “Il Reddito di cittadinanza, insieme al Reddito di emergenza, rappresenta senza ombra di dubbio un aiuto indispensabile anche per tantissimi cittadini dei comuni della nostra provincia di Caserta.

Tra gli aspetti più interessanti della legge che istituisce il Reddito di Cittadinanza, c’è l’obbligo da parte dei beneficiari di offrire la propria disponibilità per progetti utili alla collettività, predisposti dai Comuni in ambito culturale, sociale, artistico, formativo e di tutela dei beni comuni, per un minimo di otto ore settimanali. Purtroppo, questa opportunità è stata finora totalmente ignorata da molti enti locali. Non ci risultano, infatti, “Progetti di Utilità Collettiva (PUC)” finanziati nel territorio della provincia di Caserta. PUC attraverso i quali i cittadini beneficiari del R.d.C. potrebbero offrire, ciascuno secondo le proprie possibilità e capacità, un importante aiuto alle Comunità. L’AMBC è già intervenuta  varie volte per richiamare l’attenzione sull’utilità dei Progetti di Utilità Collettiva (PUC), ma- a Mondragone, per esempio- nessuno ha mosso un dito.

Abbiamo fatto alcune verifiche in merito ai progetti presentati dagli Ambiti Territoriali dei Servizi Sociali http://poninclusione.lavoro.gov.it/progetti/gestione-progetti/Avviso1/Pagine/default.aspx, progetti che possono avvalersi delle risorse FSE del PON Inclusione per gli interventi di inclusione attiva e di contrasto alla povertà previsti nei Patti per l’Inclusione Sociale (PaIS), sottoscritti dai beneficiari del Reddito di cittadinanza e da altre persone in povertà.  Sono stati ammessi a finanziamento numerosi progetti, anche in Campania, per esempio il progetto dell’Ambito Territoriale A05 per 788,243 €, quello dell’Ambito A01 per 640.077 €, quello dell’Ambito S01 per 841.583 €, quello dell’Ambito Territoriale S04 per € 1.274.228, quello dell’Ambito N 19 per € 1.860.966 e quello dell’Ambito S01 per 517.542 €. Ma di progetti degli Ambiti Territorali dei Servizi Sociali della provincia di Caserta -approvati e finanziati- non abbiamo trovato traccia alcuna: http://poninclusione.lavoro.gov.it/progetti/gestione-progetti/Avviso1/Pagine/Progetti-approvati.aspx (forse per nostra negligenza).

Colpisce che neppure gli attivisti del Movimento delle 5 Stelle, e men che mai coloro che di questo movimento si candidano per rappresentarci addirittura nel Consiglio regionale della Campania, dicano -e facciano- qualcosa sulla mancata attivazione degli Enti locali del nostro territorio  in ordine ai PUC. Il nostro amico GIOVANNI ROMANO lancia un appello ai Servizi Sociali, agli Assessori al welfare e a tutti i Sindaci dei 104 Comuni della provincia di Caserta: “Sono a disposizione per qualsiasi supporto in grado di fare dei PUC l’occasione di avvio di quel welfare generativo sul quale intendo impegnare prossimamente EUROPA VERDE CAMPANIA DEMOS. Abbiamo esperienze  e  buone pratiche da cui attingere per partire: https://www.lavoro.gov.it/redditodicittadinanza/Documenti-norme/Documents/PUC-pubblicazione.docx.pdf. Non perdiamo questa importante opportunità, che riempie ulteriormente di  senso lo stesso Reddito di Cittadinanza.”