Posted on

Napoli – Nel pomeriggio di mercoledì 20 Novembre si è tenuto un incontro in cui i reclusi hanno avuto un confronto  con due familiari di vittime innocenti della criminalità organizzata, Claudio Salvia ed Assunta Cimminiello.L’evento  è stato  organizzato dall’Associazione “La Mansarda” e si tenuto nella Casa Circondariale di Secondigliano.

Claudio Salvia, è il figlio di Giuseppe Salvia, vicedirettore della Casa Circondariale di Poggioreale, che venne trucidato il 14 Aprile 1981 durante un agguato ordinato dalla Nuova Camorra Organizzata.

Assunta Ciminiello, sorella del tatuatore Gianluca Ciminiello, ucciso il 2 febbraio 2010 davanti all’uscio del suo negozio di Casavatore, per aver postato su facebook una foto con il calciatore Ezequiel Lavezzi che scatenò la gelosia di un altro tatuatore, che si rivolse al clan Amato- Pagano. L’incontro è stato ntrodotto da Samuele Ciambriello, garante campano delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale.