Posted on

Aversa – Nel pomeriggio di ieri è stata approvata in Giunta la delibera che dà il via alla riqualificazione dell’area standard del Rione Bagno, una periferia del Comune di Aversa da sempre oggetto di speculazione in campagna elettorale, per poi essere dimenticata e lasciata a sé stessa.

A commentare la delibera di Giunta, i Consiglieri Erika Alma e Cesario Vincenzo ANGELINO, quest’ultimo residente da sempre in quel territorio e risultato il più votato nel Rione Bagno alle scorse elezioni:

“Il Rione Bagno ha riscritto la storia alle scorse elezioni e oggi è rappresentato da ben due consiglieri in Consiglio Comunale. Personalmente, – dice Angelino – appena sono entrato in Consiglio lo scorso maggio, ho lavorato con forza per dare un segnale affinché questo territorio si sentisse ingresso della città di Aversa e non più periferia abbandonata. Un impegno che ho preso con la responsabilità e la gratitudine verso la mia comunità che mi ha visto nascere e crescere e che mi ha consegnato un mandato elettorale forte e chiaro con il massimo delle preferenze.

E, infatti, oggi, a distanza di poco più di un mese dall’approvazione del bilancio, abbiamo portato un risultato concreto e tangibile che rappresenta un primo tassello che permetterà ai residenti di usufruire di uno spazio per i bambini, per le famiglie, per i nonni, fino ad oggi completamente assente.

A questo risultato si aggiunge l’inclusione del Rione nel progetto BiciPlan che consentirà agli abitanti di collegarsi al resto della città con un percorso dedicato di mobilità sostenibile. Un lavoro, questo, che deve essere fatto in sinergia con il comune di Cesa.

Molto ancora c’è da fare, ma siamo già al lavoro per affrontare le molteplici criticità che insistono su quella zona.

Un grazie al Sindaco Alfonso Golia e agli Assessori Elena Caterino e Mario De Michele, quest’ultimo figlio del compianto dott. Antonio che tanto ha dato al Rione, per aver cominciato proprio dal Rione Bagno il percorso di riqualificazione delle periferie e degli standard comunali.”