Posted on

Napoli – “Il patto per Napoli non può prevedere una dilazione del debito. L’ipotesi circolata in questi giorni e sponsorizzata dal governatore De Luca, comporterebbe una tale rateizzazione del un passivo, che ad oggi, stando ai numeri del bilancio consolidato, ammonta a 5 miliardi, da far accollare il debito alle generazioni che verranno.

Sarebbe paradossale scaricare sul futuro dei nostri giovani errori e negligenze di chi ha amministrato la città negli ultimi decenni. Dobbiamo valutare altre soluzioni. Intanto servono risorse subito, per garantire servizi essenziali, procedere a nuove assunzioni e porre le basi per il rilancio, lavorando perché il nostro capoluogo si faccia trovare pronto per la sfida del Pnrr. Con la nostra viceministra all’Economia Laura Castelli stiamo lavorando da mesi perché in manovra di Bilancio si individuino le risorse adatte, unite a un rifinanziamento dei fondi per i comuni in fase di dissesto e predissesto. Vogliamo inoltre dar vita a una cabina di regia, che affianchi i lavori degli uffici comunali, così da accompagnarli e coadiuvarli nei percorsi di risanamento. Serve il coinvolgimento di tutti. Rilanciare Napoli equivale a rilanciare la Campania e il Sud”. Lo dichiara il deputato del Movimento 5 Stelle e responsabile in Campania per i rapporti interni Luigi Iovino.