Posted on

Aversa – “Vogliamo capire per quale motivo, nonostante i lavori siano stati conclusi, non viene inviata l’ASL per i controlli igienico-sanitarie e strutturali al Mercato Ortofrutticolo all’ingrosso di Aversa in Corso Europa per far sì che lo stesso possa ripartire. In ballo ci sono 52 aziende e circa 400 operatori, è uno scandalo”. A parlare è il presidente dell’associazione “Assodiritti”, Carlo Di Dato, a sostegno della cui battaglia si è posta l’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada Onlus, presieduta da Alberto Pallotti.

Una diatriba che va avanti dal 10 ottobre del 2019, quando, a seguito di un sopralluogo congiunto del NAS e cinque ASL, alla presenza dei rappresentati del Comune di Aversa, venne chiuso l’ingrosso per carenze igieniche (14 prescrizioni). Nello spiazzale vennero ritrovati rifiuti non prevenienti dal settore ortofrutticolo e da mesi ivi abbandonati; inoltre, veniva segnalata la presenza di coperture non a norma e di servizi basilari non garantiti. Il comune fece predisporre l’approvazione del progetto, approvando una variazione di bilancio per i lavori e l’avvio degli stessi successivo a gara appaltante. A fronte dell’affidamento, la conclusione dei lavori era fissata al 16 di aprile del 2020 e tutt’oggi risultano realizzati al 50%. “Ciò che ci sconcerta – afferma Di Dato – è che sembra si stia facendo di tutto per ritardare o vanificare la riapertura. Esempi evidenti si ritrovano nel progetto originario: non era prevista la rimozione delle tettoie, il posizionamento delle bocchette antincendio e la risoluzione di tanti punti focali critici. Dato che i lavori sono stati effettuati solo per una metà dell’area, si sta praticamente supponendo che chi operava in 7000 mq, ora lo possa fare in meno della metà. Follia pura”. 

“Siamo vicini agli operatori del mercato ortofrutticolo di Aversa – afferma Biagio Ciaramella, responsabile di sede di Aversa e dell’agroaversano dell’A.I.F.V.S. Onlus -. Il prossimo 19 gennaio, alle ore 21:30, sui nostri canali ufficiali Facebook e Youtube, andrà in onda la trasmissione incentrata sul mercato ortofrutticolo e la sua chiusura che perdura da 15 mesi. Interverrà il presidente di Assodiritti, Carlo Di Dato. La nostra voce si unisce a quella di Assodiritti in questa battaglia per la dignità”.