Posted on

Napoli – Govedì è stata accreditata da Cassa Depositi e Prestiti al Comune di Napoli l’importante cifra di € 486.877.777,64.

Si tratta di un’anticipazione richiesta dal Comune di Napoli sulla base di una norma contenuta nel cosìdetto “Decreto Rilancio” fortemente voluta dai Sindaci di alcune grandi città con il Sindaco de Magistris a dar voce ad una comune e pressante richiesta a sostegno del sistema produttivo.

Soldi che, per Comuni falcidiati dai tagli dei trasferimento da parte dello Stato, riparano a difficoltà non prodotte dagli Enti stessi.

Infatti queste somme serviranno a pagare fatture relative a somministrazioni, forniture, appalti, obbligazioni per prestazioni professionali e Debiti Fuori Bilancio riconosciuti, ricadenti nel periodo 2018 – 2019. 

La concessione dell’anticipazione è soggetta, ovviamente a regole ferree, in particolare, i pagamenti dovranno essere completati entro 30 giorni a partire dal 24/9/2020 e i fondi anticipati dovranno essere restituiti in 30 anni. Ma gli uffici erano già pronti da settimane e, pertanto, bruceremo i tempi.

“Pagheremo oltre 700 creditori ed emetteremo oltre 4 mila mandati, un lavoro immane per gli uffici della Ragioneria, che ringrazio a nome della Città”, afferma il Vicesindaco Panini,  “ma che consentirà di mettere nelle casse di ogni impresa risorse liquide necessarie per affrontare l’attuale momento economico già tanto difficile ed ulteriormente aggravato dalla pandemia. Tra ieri e oggi sono stati pagati già 210 milioni di euro, relativi principalmente alle fatture dei cartolibrari ed alle partecipate.”