Contrasto TV

                       
   

Roma, l’Associazione Italiana Genitori: “Cultura e Canapa, qual è il nesso?”

Roma – E’ iniziata da poche ore la distribuzione e la vendita di libri con ”in omaggio” una piccola quantità di Canapa ad uso legale all’interno delle pubblicazioni.

AGe Associazione Italiana Genitori, ritiene che per avvicinare alla lettura i nostri ragazzi sia paradossale e discutibile utilizzare tali modalità. Non si evidenziano finalità educative né informative in tale metodologia, mentre è chiaro l’intento, in essere da qualche tempo, di portare a considerare un NON PROBLEMA l’utilizzo di ogni sostanza per l’evasione: alcool, gioco, tabacco, velocità in automobile … tutto sembra buono per esaltare presunti diritti individuali a scapito di una visione sociale e relazionale della persona. Da genitori consapevoli vogliamo educare i nostri figli alla bellezza, alle relazioni significative, ad un approccio informato e corretto sulle conseguenze dell’uso di TUTTE le sostanze. Non è nel nostro DNA urlare contro tutto e contro tutti, in un clima di crescente contrapposizione, ma domandiamoci COME ADULTI se ascoltiamo i ragazzi, i giovani, o se li vogliamo solo pazienti, addormentati di sostanze, di locali, di pub, di Instagram … Si moltiplicano i dibattiti SUI giovani, ma ci sono scarsi DIALOGHI CON i giovani. La prevenzione si dispiega a partire dalle famiglie: AGe è innanzitutto un ponte di prevenzione primaria ! Nella quotidianità delle famiglie, nell’educare i propri figli, nel creare luoghi belli, di incontro, di relazione! Dissentiamo fortemente su modalità e finalità poco chiare della distribuzione di questo “gadget” oltretutto neanche in linea con le letture a cui si accompagna, evitiamo anche di esprimerci sulla bontà morale di una vicenda di puro marketing! Ci riserviamo invece di incentivare e mettere in atto tutte una serie di azioni , atte ad accompagnare i nostri ragazzi e i genitori, ad una corretta informazione priva di influenze mediatiche e comunicative poco chiare e fuorvianti. Bisogna lavorare di più sull’attenzione dei nostri ragazzi riportandoli sui temi che sono funzionali alla tutela della loro salute per una crescita sana.

Articoli correlati