Posted on

Primo Piano – “All’Italia serve un piano di riorganizzazione del sistema sanitario.

Dopo i tagli indiscriminati al personale e alle risorse del 19,7 per cento, lo stop alle assunzioni, i Servizi sanitari delle Regioni che, come la Campania, sono state costrette a piani di rientro draconiani, si presentano poco attrezzati a fronteggiare una pandemia che potrebbe avere conseguenze drammatiche su una fascia vastissima della popolazione”.

Lo scrive in una nota inviata alla nostra redazione, Severino Nappi di Il Nostro Posto, che prosegue:“Rispetto alla Lombardia, ad esempio, il dato dei posti letto in terapia intensiva – uno ogni 18mila abitanti – è davvero sconfortante”. “L’emergenza dovrà essere l’occasione per arrivare al potenziamento dei servizi di sanità pubblica e alla riorganizzazione delle strutture ospedaliere, che stanno dimostrando di essere strategici per combattere gli effetti del virus”. “Ormai – conclude Nappi- è tardi per riparare agli errori del passato e bisogna mettere in campo tutti gli strumenti di emergenza possibili, ma è necessario che chi avrà la responsabilità di governare la Regione nei prossimi anni si faccia portavoce della sacrosanta esigenza dei cittadini campani di poter avere servizi sanitari dello stesso livello di quelli degli altri italiani”.